Google lancia Accelerated Mobile Pages Project – progetto sviluppato in collaborazione con centinaia di editori – tra cui italiani – aziende tecnologiche e soggetti che operano nell’online advertising il cui obiettivo è rendere la navigazione sui dispositivi mobili quanto più veloce e fluida possibile.

Come registrato, infatti,  dai dati Audipress, aumentano sempre più i lettori che leggono le notizie online. Naturalmente tra i device di lettura preferiti lo smartphone è quello che va per la maggiore e ogni mese sono quasi 31 milioni le letture di testate mensili (per 15.845.000 lettori), con una quota di lettori di digital edition in aumento (+4,3%) per i periodici nel complesso.
Il progetto è stato presentato a Parigi, alla Sciences Po di Parigi, dal CEO di Google Sundar Pichai .”Da oggi le Accelerated Mobile Pages (AMP) cominceranno a comparire nella Search da mobile – ha detto Pinchai -. In questo modo gli utenti troveranno più facilmente e più rapidamente i contenuti di news sviluppati in AMP”. Questo vuol dire che, anche su sezioni come Google News, verranno premiati i siti che hanno preso parte al progetto negli ultimi quattro mesi, con un carosello dedicato che apparirà sul display dell’utente che ha effettuato la ricerca.

Le pagine realizzate seguendo la tecnologia AMP si caricano in media quattro volte più rapidamente di quelle “tradizionali”. E al tempo stesso utilizzano fino a 10 volte meno dati. “Oggi editori e piattaforme di sei Paesi europei celebrano con noi questa novità – ha annunciato Pichai – così come i miglioramenti nelle caratteristiche del prodotto legate alla pubblicità, gli analytics e i paywall”. Tra i primi ad aderire a questo progetto, quattro mesi fa, sono stati Twitter, Pinterest, WordPress.com, Chartbeat e LinkedIn.
Pichai ha annunciato anche che Google ha offerto finanziamenti a 128 organizzazioni di 23 diversi paesi europei nell’ambito della Digital News Initiative (DNI), la partnership tra Google e i principali operatori europei dell’informazione che ha l’obiettivo di sostenere il giornalismo di qualità attraverso la tecnologia e l’innovazione.

Si tratta di oltre 27 milioni di Euro complessivi di finanziamento per progetti grandi e piccoli, con l’obiettivo di favorire l’innovazione nel settore.