Il presidente Agcom, Giacomo Lasorella ha presentato la campagna di comunicazione ‘Agcom per l’Italia Digitale’, con le commissarie Laura Aria e Elisa Giomi. L’iniziativa è in parte finanziata dal Ministero Ministero delle Imprese e del Made in Italy (ex Mise).

La campagna #agcomoperlitaliadigitale inizia l’11 novembre sulle reti televisive e radiofoniche Rai, sulle emittenti nazionali e locali, sulla stampa quotidiana. L’iniziativa si inscrive in un ampio progetto per promuovere negli utenti la conoscenza dei diritti e degli strumenti di tutela nel settore delle comunicazioni elettroniche (Internet, telefonia pay-tv), l’obiettivo è l’alfabetizzazione digitale.

L’Agcom ha 25 anni, e l’authority vuole mettersi a fianco dei cittadini per accrescere la cultura digitale nel Paese come ha spiegato il presidente Lasorella: “La sfida è accompagnare il Paese nella società digitale, come recita lo slogan della nostra campagna di comunicazione. Come farlo?. Attraverso la regolamentazione (nostra missione principale), la vigilanza e con una serie di servizi per il consumatore”.

Agcom mette, già, a disposizione dell’utente ‘MisuraInternet’,  che consente di misurare la qualità della connessione in ciascuna abitazione; la Broadband Map, sito che consente di conoscere la copertura della rete internet a banda larga ultralarga presso il proprio indirizzo civico, la piattaforma ‘Conciliaweb’ realizzata con la collaborazione dei Corecom cui Agcom delega a livello regionale funzioni come la risoluzione delle controversie tra operatori e utenti.

La conoscenza dei diritti e degli strumenti a tutela del consumatore nel settore delle comunicazioni elettroniche (Internet, telefonia, pay-tv) sono fondamentali anche per  favorire l’alfabetizzazione digitale consapevole.

Articolo precedente‘Il potere del pallone’ di Andrea Goldstein
Articolo successivoPiero Melograni “libertà di pensiero” a 10 anni dalla scomparsa l’archivio alla Fondazione Corriere della Sera
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.