Agi: al via la nuova era con informazione a misura di terzo Millennio. Riccardo Luna, direttore e Marco Pratellesi, suo vice, due giornalisti dedicati allo studio ed alla sperimentazione oggi dirigono l’agenzia di notizie fondata nel 1950, controllata da Eni dal 1965 che è a tutti gli effetti la news company italiana che unisce rigore di una professione “di cui ci sarà sempre bisogno” secondo Mentana presente all’evento romano i-Leader Index, con prodotti e servizi innovativi.
La novità è AgiFactory: la verità conta. Daniele Chieffi direttore, la sua squadra è dedicata allo Storyfacting. “Non è una redazione parallela ma un team di lavoro – precisa Chieffi –  o meglio ancora un centro di competenza utile a completare la narrazione”. Nasce così un centro di informazione dedicato ai marchi che propone contenuti transmediali.
Il racconto Transmediale è stato protagonista del numero 305 con Media e Duemila che ha riassunto gli interventi del convegno TuttiMedia alla Sapienza.
A Roma per raccontarsi i vertici Agi promuovono la classifica dei i-Leader, italiani e del mondo.
La Ferrari prima nella classifica delle aziende. Comunica meglio e sa gestire la sua comunità. Ho visitato la fabbrica di Maranello, racconto la mia esperienza in questo articolo.

Ferrari è dunque un esempio di Italia che produce e comunica al passo con i tempi, lo ha scoperto il nuovo tool Doing. Fra i politici Renzi in pool position, e fino qui nessuna novità. Berlusconi quinto, “nonostante il suo impegno sui canali social sia iniziato da poco” sottolinea Luna, è la novità. Chiara Ferragni naturalmente è la blogger più influente, dato che ci riporta a riflettere sulla contaminazione pubblicità e informazione che in rete crea problemi di etica professionale.
L’intera classifica la trovate a questo link. Il video dell’evento a questo indirizzo https://www.agi.it/video/i_nuovi_leader_digitali_secondo_i-leader_indexdi_agi-3206694/video/2017-12-06/. Consiglio di ascoltare attentamente Enrico Mentana che è primo in classifica per la categoria giornalisti, anche se Twitter lo ha lasciato da tempo. Mentana che scappa per arrivare in tempo al suo TG è certo i giornalisti  sono e saranno sempre necessari “dobbiamo solo uscire da questa tempesta”.
Qualità e fake news che si divulgano troppo velocemente al tempo dei social è l’argomento che prende ampio spazio nel dibattito. Nonostante siamo nudi in strada, come ripete il nostro Derrick de Kerckhove la catena del falso è più difficile da interrompere anche secondo Luna: “Oggi nell’era dell’informazione abbiamo più informazione non verificabile”.  La promessa  Agi è quella di coniugare innovazione e velocità con le regole deontologiche ed etiche dell’informazione per rimettere al centro, e alla base di qualsiasi modello di business, il giornalismo. Il nuovo sistema editoriale Kolumbus consentirà a tutti i giornalisti di Agi di operare in mobilità e ai clienti e fruitori dell’agenzia di ricevere su app per mobile tutto il notiziario con possibilità di alert personalizzati sulle notizie.  Futuro presente, come diceva McLuhan.

Storyfacting Agi

 

Articolo precedenteCrowddreaming: i giovani co-creano culture digitali – III edizione
Articolo successivoThe Guardian: la guerra del fact checking
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media , e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovanni storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono alle stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. Responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. L'ultimo testo: Are you ready for your digital twin. Per Ars electronica (uno dei premi pi+ù prestigiosi nel campo dell'arte digitale ha scritto nel catalogo "POSTCITY".