di MARIA PIA ROSSIGNAUD –

Di edicole e rivoluzione in un settore anch’esso fermo da anni Media Duemila ha trattato più volte nel corso dell’ultimo decennio anticipando necessità, evidenziando esigenze. Giovanni Giovannini era un fautore della libertà di distribuzione: giornali distribuiti in ogni luogo. Oggi il progetto che parte è più ambizioso, la Federazione italiana degli editori ha presentato un progetto che rappresenta la vera rivoluzione.  Una ad esempio riguarda la possibilità per gli editori di ricevere i dati sulle vendite in tempo reale. Resa e distribuzione gestita da sistemi informatici, ogni dato sarà reso disponibile a seconda delle esigenze dei soggetti che contanto in tutta la catena. A questo proposito Media Duemila ha chiesto il parere a UPA.
“UPA, l’associazione italiana che rappresenta gli investitori in pubblicità, valuta con molta attenzione il progetto per l’informatizzazione delle edicole presentato la scorsa settimana dalla Fieg ai rappresentanti degli edicolanti.
Gli investitori, infatti, usualmente ma soprattutto negli ultimi tempi fortemente caratterizzati dall’incertezza economica, hanno bisogno di dati aggiornati e tempestivi sulle audience e sulle readership per prendere rapide decisioni sulla pianificazione degli investimenti pubblicitari. Pertanto, tutto ciò che va nella direzione della modernizzazione e dell’innovazione della misurazione dei dati utili agli investimenti pubblicitari non può che trovare l’UPA sulla stessa strada”. Tornerò, torneremo sull’argomento seguendo l’evoluzione di questo necessario passaggio epocale da edicola terzo millennio.

Maria Pia Rossignaud

media2000@tin.it