Partirà da giugno, frutto di un’alleanza fra tre delle maggiori agenzie di stampa europee, l’ANSA, la francese Afp e la tedesca Dpa, il primo hub di informazioni basate su dati e sondaggi relativi all’Unione europea. L’annuncio è stato fatto nei giorni scorsi: ne diamo, oggi, conto in questo spazio, riprendendo il servizio diffuso da Bruxelles dall’ANSA.

Nasce il primo sito europeo di ‘datanews’ sull’Ue, interamente gratuito e realizzato dall’ANSA insieme alle agenzie Afp e Dpa, che hanno unito le forze per dare vita allo European Data News Hub (EDNH). Il nuovo strumento d’informazione, che sarà attivo a partire da giugno, produrrà notizie basate su dati appositamente raccolti ed elaborati per avere indicazioni sulla posizione dei cittadini in merito ai temi più caldi che riguardano l’Unione europea, dai migranti alla Brexit, dalla lotta ai cambiamenti climatici, al terrorismo, dalle politiche per l’occupazione alla difesa comune.

La piattaforma, che offrirà gratuitamente i contenuti e le risorse ai media internazionali, rappresenterà un punto di raccolta per tutte le notizie costruite sulla base di ‘numeri’ e altre informazioni strutturate e certificate che saranno accompagnate da pacchetti multimediali di cui faranno parte foto, video, audio, grafici interattivi, grafici tradizionali e storie in cinque lingue. Oltre che in italiano, saranno infatti disponibili anche in inglese, francese, tedesco e spagnolo.

La societa’ Datenfreunde GmbH (OpenDataCity) fornirà il monitoraggio e gli strumenti per effettuare sondaggi d’opinione sui principali argomenti di interesse europeo trattati dall’EDNH. Qualsiasi media interessato potrà integrare questi strumenti sul suo sito web.

Lo European Data News Hub opererà anche attraverso i principali social media e sarà sostenuto da un finanziamento della Commissione europea – ottenuto tramite la vincita di una gara internazionale -, ma sarà pienamente indipendente dal punto di vista editoriale.

ANSA, Afp e Dpa distribuiranno il contenuto sulle loro reti, raggiungendo un’audience mondiale che include giornali, tv, radio, smartphone, siti internet e banche dati così come istituzioni pubbliche e organismi internazionali.

L’iniziativa, dopo il lancio dell’hub, è destinata a estendersi ed a coinvolgere altri specialisti del datajournalism, il giornalismo basato sui dati, con l’obiettivo di creare una vera e propria piattaforma europea di notizie basate su dati certi e verificati.

ANSA-Afp-Dpa

Articolo precedenteFaceShot: occhiali da sole per registrazioni facili
Articolo successivode Kerckhove perché Wikitribune ha bisogno di giornalisti
È attualmente consigliere per la comunicazione dell’Istituto Affari Internazionali; collabora con vari media (periodici, quotidiani, radio, tv) e con l’Unione europea; gestisce il sito GpNewsUsa2016.eu; tiene corsi in Università e scuole di giornalismo. Inizia l’attività giornalistica a “La Provincia Pavese” nel 1972. Dal 1976 al ’79 è alla “Gazzetta del Popolo” di Torino, per la quale nel 1979 apre l’ufficio di corrispondenza a Bruxelles. Nel 1980 passa all’Ufficio dell’Ansa di Bruxelles di cui diventa responsabile nel 1984. Segue per dieci anni la Cee e la Nato. Nel 1989 è a Roma: caporedattore Esteri, caporedattore centrale Esteri, vide-direttore. Nel 1992 è tra i fondatori dello European Press Club, di cui è tuttora segretario generale. Nel 1999 va a guidare l’ufficio Ansa di Parigi e nel 2000 diviene responsabile dell’ufficio di Washington e del Nord America. Dal dicembre 2006 al giugno 2009 dirige l’Ansa. Dopo è successivamente direttore de l'AgenceEurope, di EurActiv.it e vice-direttore de La Presse.