Caro Geppetto,
alle spalle abbiamo avuto un anno feroce. Le buone cose sono state sopraffatte quotidianamente dalle notizie di guerre, stragi e rappresaglie. L’eco è arrivato forte in tutte le case attraverso immagini ben definite. Non è stato un ‘sentito dire’, lo abbiamo visto. E continua. Al potere c’è chi è senza testa, con ambizione autoreferenziale, senza logica, senza competenza, senza compassione e forse disonesto. La confusione aumenta l’inquinamento, anche quello culturale. Il pluralismo delle idee dei giornalisti e dei mass media ci aiuta un po’. Che cosa sta succedendo nel mondo è sotto gli occhi di tutti nella sua drammaticità. Noi possiamo fare ben poco, se non fare attenzione, approfondire criticamente le informazioni e tenere aperto un dibattito.
Per riassumere il futuro, senza nostalgia, ti sottopongo cinque tendenze che io ritengo principali.
Aumenta la complessità delle variabili e lo stress cognitivo. In questo regime consumista siamo bombardati di notizie e offerte che arrivano da voci vicine e lontane, le relazioni sociali sono filtrate da mass media e telefonini. Adottare comportamenti coerenti, fare selezione e scegliere le priorità provoca tensioni e sovraffaticamento, ogni coinvolgimento richiede più impegno.
L’innovazione tecnologica è accelerata e influisce sui costumi sociali. Macchine e strumenti digitali hanno sconvolto tempi e metodi di lavoro e di vita. Alcune società multinazionali (Big Tech) guidano lo sviluppo industriale e competono per ricchezza e disponibilità di strumenti con le istituzioni pubbliche. Gli algoritmi digitali prevaricano la ricerca etica e il linguaggio naturale.
Il potere politico è autoreferenziale e la democrazia scricchiola. Gli amministratori pubblici difendono le proprie poltrone e sono sempre più autoreferenziali. Gli slogan elettorali sostituiscono veri progetti per il bene comune e influenzano l’opinione pubblica. La burocrazia imperversa e aggarbuglia procedure e soluzioni. Le autorità legislative, esecutive e giudiziarie sono mescolate e disordinate.
Le persone danno la priorità alle esigenze immediate. Le risorse economiche della maggior parte delle famiglie sono limitate, perciò vengono dedicate ai consumi e al benessere del presente. In molte parti del mondo mancano acqua, cibo, salute e lavoro. Per i meno (o poco) abbienti un futuro lontano non ha appeal. Anche le istituzioni e le aziende mirano ai successi veloci, non al domani.
Lo sviluppo industriale aumenta i rischi dei fenomeni naturali. Lo sfruttamento intensivo di certe risorse naturali, soprattutto dei combustibili fossili, ha prodotto un forte inquinamento generalizzato. Scarse le misure di manutenzione e sicurezza, e non coordinate. Lo sviluppo attuale non è sostenibile a lungo termine. Grandi rischi climatici. Solo interventi globali potrebbero risolvere i problemi planetari.
Caro Geppetto, dalla tua bottega di artigiano vedi e conosci tante cose, aiutami a capire che cosa succederà e soprattutto: non farmi un Pinocchio con un’intelligenza artificiale bugiarda!
Un abbraccio
Paolo
Articolo precedenteLa Sapienza guida EPIQUE progetto dedicato alla realizzazione del computer quantistico fotonico europeo
Articolo successivoCantiere “Ragazze Digitali”
Paolo Lutteri, di Milano, si occupa di comunicazione e marketing dal 1976. Laureato in Scienze Politiche all’Università di Milano e Diplomato all’Istituto Universitario di Lingue di Pechino. Giornalista pubblicista, iscritto all’Ordine dei Giornalisti e all’Unione Giornalisti Italiani Scientifici. Ha lavorato con il quotidiano Il Giorno, con le società Spe, Sport Comunicazione e Alfa Romeo; con il Gruppo Rai dal 1989 si è occupato di marketing, sport, nuovi media e relazioni internazionali. Ha tenuto corsi presso le Università degli Studi di Milano e Bicocca, le Università di Roma Sapienza e Tor Vergata. Attualmente studia e scrive articoli sull’innovazione culturale e tecnologica, fa parte del Comitato di Direzione della rivista Media Duemila, è socio onorario dell’Osservatorio TuttiMedia, membro d’onore dell’EGTA-Associazione Europea Concessionarie tv e radio, membro del Consiglio direttivo dell’Associazione Eurovisioni, socio e direttore del Centro Documentazione e Formazione della Fondazione Salvetti. e-mail: paolo.lutteri@libero.it