Nicoletta Iacobacci

Nicoletta IacobacciMedia che da interattivi diventano partecipativi, percettivi e pervasivi. Quale nuovo ruolo avranno i media in un prossimo futuro? Fino a quanto o fino a dove sarà possibile osare? Delle nuove frontiere dell’innovazione creativa ha parlato Nicoletta Iacobacci Senior Manager Future Media presso lo European Broadcasting Union di Ginevra, Ambassador in Svizzera della Singularity University di Silicon Valley e curatrice di TEDxTransmedia. Sperimentare è sempre stata la sua passione.  Alla fine degli anni 80  parlava  già di convergenza fra tv e computer. Come del resto facevamo già anche noi di Media Duemila. L’ecosistema dei Media dal monologo è passato al dialogo. Le interazioni fra Media e scienza sono il futuro.
I media pervasivi  sono il fossimo futuro. “Oggi dobbiamo sperimentare un nuovo concetto di media – racconta Nicoletta Iacobacci –  che da interattivo diventa percettivo. La rivoluzione è solo alla prima fase. I contenuti dovranno essere personalizzati in maniera multimodale, multitasking, collaborativa. In una parola i media diventano intuitivi”. Scenario intrigante.  Solo nel novembre 2001 l’Osservatorio TuttiMedia proponeva un seminario su “Beyond Internet”. In poco più di un decennio una nuova ed ancora più affascinante rivoluzione è alle porte. La “Grande Mutazione” dunque continua.

Articolo precedenteRacconti on the road. Storie di strada e di viaggio
Articolo successivoInternet: dalla governance Usa a quella globale, web più condiviso, ma non necessariamente più libero e più sicuro
Maria Pia Rossignaud Laureata in lingue e letterature straniere, specializzata in giornalismo e comunicazione di massa alla LUISS, è giornalista professionista dal 1992. Ha lavorato presso le redazioni de Il Mattino e il Roma. Ha insegnato Editoria Elettronica presso la Scuola superiore di giornalismo della LUISS, è stata titolare della cattedra di “Economia e Gestione delle Imprese Giornalistiche” e di “Giornalismo e divulgazione scientifica” nella facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università “La Sapienza” di Roma, è stata anche componente del Consiglio Direttivo dell’UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici) e membro del comitato editoriale del CNIPA (Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione). Vanta diverse pubblicazioni. È direttore della rivista di cultura digitale “Media Duemila” e vicepresidente dell’Osservatorio TuttiMedia. Derrick de Kerckhove è stato il direttore del Programma McLuhan in Cultura e Tecnologia ed autore di La pelle della Cultura e dell’Intelligenza Connessa (“The Skin of Culture and Connected Intelligence”) e Professore Universitario nel Dipartimento di lingua francese all’Università di Toronto. Attualmente è docente presso la Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II dove è titolare degli insegnamenti di “Metodi e analisi delle fonti in rete”, “Sociologia della cultura digitale” e di “Sociologia dell’arte digitale”. Direttore scientifico della rivista di cultura digitale Media Duemila.