Business model, consumo, informazione online, infrastrutture, diritti da tutelare, trasparenza dei modelli nel momento storico delle tre V: Volume – Velocità – Varietà.  L’Agcom presenta la ricerca sui Big Data e invita i protagonisti delle TELCO, della televisione e dei giornali a discutere di regolamentazione e ruoli.

Il commissario Posteraro invita a riflettere sulla centralità dell’uomo ed a investire sul cittadino.  Ed è Antonio Martusciello, commissario AGCOM a moderare il momento dedicato a tutti i  media e cioè ai media tradizionali  e agli OTT.

La TV è ancora percepita dagli utenti come affidabile. Il caso politico del M5S ne è un esempio,  secondo Martusciello che ricorda quante  pratiche inedite, rilevanti dal punto di vista dell’impatto sociale e complesse da normare caratterizzano la nostra epoca.  La polarizzazione può portare alla frammentazione degli utenti da un lato e dall’altro è utile ad individuare potenziali elettori che possono ricevere messaggi che screditano gli avversari senza possibilità di difesa perché non sono messaggi pubblici, per citare solo una delle tante possibilità legate ai Big Data.

Il 2008 è l’anno del cambiamento, secondo Pratellesi (AGI): “La svolta storica arriva quando la rete compie 25 anni  Obama diventa il primo presidente che vince con Internet”.  Succede, infatti che la politica si impossessa del linguaggio dei social  e la  società della comunicazione diventa della conversazione e si passa più tempo a verificare i fatti che ad inviare e diffondere un tweet.  In un mercato falsato da regole che non sono uguali per tutti gli editori cercano di difendere il loro business. Per Fabrizio Carotti (FIEG)  bisogna sviluppare azioni utili a tutela dei contenuti editoriali e diritti ad essi collegati.

Sanfilippo (Sky) è convinto che la battaglia si vince puntando sull’utente ed offrendo nuovi contenuti anche se  “Agcom  si trova a mani nude”.

La Rai si distingue perché da servizio pubblico deve contribuire alla crescita culturale del cittadino secondo Tagliavia “La Rai stimola sensibilità diverse e va oltre i canali generalisti”.

Stazi (Google) parla di dati e pluralismo: “Ogni singolo cittadino ha potuto affacciarsi su una palco senza confini – dice –  può piacere o no ma è in ogni caso un esempio di apertura e noi  manteniamo la barra dritta su valori, e principi condivisibili. Le imprese grandi e piccole sono entrate nel digitale, grazie a noi. Sviluppare la cultura digitale dell’essere umano è un nostro scopo e del resto Papa Francesco ha detto che Internet è uno strumento di pace e solidarietà”.

Bononcini (Facebook) affronta il tema dell’algoritmo e promette trasparenza utile  per rendere i cittadini più consapevoli e  in grado di tutelarsi: “Noi vogliamo che le persone accedano a informazioni rilevanti e di qualità. L’algoritmo evita la diffusione di notizie false.  Abbiamo cancellato 500 milioni di profili falsi, ancor prima che venissero pubblicati. Stiamo lavorando alla  trasparenza per gli  annunci politici e per le elezioni di Midterm americane saremo pronti”.

Le conclusioni di Nieri (Mediaset) portano sulla resilienza. “Continuiamo a resistere – dice –  e  ce la faremo a competere, ma deve essere chiaro che  a noi non è dato andare in Europa e contrattare cosa è giusto o sbagliato nei nostri algoritmi. Abbiamo esigenze di trasparenza non di subdola  profilazione.  Invita a ripensare le modalità di regolamentazione perché oggi i fenomeni si sviluppano a livello globale e  “non abbiamo la possibilità di fare una legge globale. E allora è necessario una condivisione dei principi e dei diritti  di una convivenza basata sulla democrazia che non prevede la sopraffazione. L’ autoregolamentazione, da sola,  non è sufficiente”.

 

 

Articolo precedenteRai Radio lancia due nuovi canali digitali: Rai Radio1 Sport e Rai Radio2 Indie
Articolo successivoDNI di Google 150 milioni di euro a sostegno degli editori
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media , e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovanni storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono alle stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. Responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. L'ultimo testo: Are you ready for your digital twin. Per Ars electronica (uno dei premi pi+ù prestigiosi nel campo dell'arte digitale ha scritto nel catalogo "POSTCITY".