Gli avvenimenti decisivi per l’Unità d’Italia sono concentrati tra il 1821 e il 1861. In questo periodo poeti e musicisti scrissero un gran numero di Inni, Cori, Odi e componimenti vari. Ne sono stati pubblicati un centinaio, ma non tutti riscossero un successo popolare. In questo libro ne ho raccolti una ventina, quelli a mio parere più significativi. Si tratta di scelte soggettive che mi hanno portato, ad esempio, a includere una canzonetta dalle parole apparentemente senza senso, come La Bella Gigogin – che ebbe una clamorosa funzione nell’eccitare i Milanesi a opporsi agli Austriaci – insieme al contemporaneo Plebiscito del grande Carducci, che, nel suo perfetto ma freddo classicismo, passò invece del tutto inosservato. Ho incluso infine anche alcune canzoni, in dialetto siciliano, su Garibaldi, che testimoniano nella loro ingenuità la partecipazione popolare all’impresa dei Mille del 1860.

 

L’opera ha il patrocinio dell’Accademia Nazionale dei Lincei ed è stata realizzata dall’Associazione Amici dell’Accademia con un contributo economico della Fondazione SIAV Academy.

 

Il compact disc è stato registrato da un coro di ragazzi delle scuole di Roma, a rappresentare simbolicamente l’Italia che nasceva giovanissima 150 anni or sono.

 

A cura di Pierluigi Ridolfi, Presidente dell’Associazione Amici dell’Accademia dei Lincei. Prefazione di Carlo Azeglio Ciampi.  

Articolo precedenteiPad2, strumento carismatico e fenomeno di lusso, all’assalto del mercato dei tablet e del mobile
Articolo successivoGiornalismo multimediale, innovazione e informazione seria e sempre più qualificata