Changing the Ground
Changing the Ground

ITALIANO IN FONDO

We live in fragile times. Not only environmentally, socially, and politically, but also epistemologically, the ground of it all, as governments, institutions and ‘the people’ are caught between shaky traditional human values and algorithmic decisions and hidden motivations. The digital transformation has been creeping upon us without forewarning and while it is in many ways clearly beneficial, it is also creating a global epistemological crisis by introducing automation not only in our communication, management, administration, production and transportation tools, but also in our minds.  

By fostering the massive distribution of opinions about the pandemic and climate change rather than scientifically controlled information, the digital transformation is challenging consensus about how to run human affairs. Inviting nine experts and visionaries, the purpose of the series is to help us change the ground of how we think about current situations and challenges, such as infodemia, climate and science deniers and antivax.

 I will introduce these experts and their highly original approaches, as well as present my own views about what is epistemology, the power of hidden ideologies to support both opinions and the directions they make us take and how rethinking reality through the lens of Quantum physics can eventually turn things around on a planetary scale.

Viviamo in tempi fragili. Non solo dal punto di vista ambientale, sociale e politico, ma anche epistemologico, le nostre fondamenta, poiché i governi, le istituzioni e i “popoli” sono intrappolati tra valori umani tradizionali traballanti e decisioni algoritmiche a motivazioni nascoste. La trasformazione digitale si è insinuata su di noi senza preavviso e, sebbene sia per molti versi chiaramente vantaggiosa, sta anche creando una crisi epistemologica globale introducendo l’automazione non solo nei nostri strumenti di comunicazione, gestione, amministrazione, produzione e trasporto, ma anche nel nostro menti.

Promuovendo la massiccia distribuzione di opinioni sulla pandemia e il cambiamento climatico piuttosto che informazioni scientificamente controllate, la trasformazione digitale sta sfidando il consenso su come gestire gli affari umani. Invitando nove esperti e visionari, lo scopo della serie è di aiutarci a cambiare il modo in cui pensiamo alle situazioni e alle sfide attuali, come l’infodemia, i negazionisti del clima e della scienza e l’antivax.

Presenterò  esperti e i loro approcci altamente originali, oltre a presentare le mie opinioni su cos’è l’epistemologia, il potere delle ideologie nascoste per supportare sia le opinioni che le direzioni che ci fanno prendere e come ripensare la realtà attraverso la lente della fisica quantistica può alla fine capovolgere le cose su scala planetaria.

Articolo precedenteAgnese Pini (direttrice de La Nazione) Nostalgia di Futuro 2020
Articolo successivoCities of the Future: Londra – Copenaghen – Lund
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.