Il CdA GARR ha nominato la nuova direttrice Claudia Battista, che sarà alla guida dell’Associazione Consortium GARR a partire dal 1 novembre 2022. L’avvicendamento è stato annunciato oggi durante il Workshop GARR “Net Makers”, incontro annuale della rete della ricerca con la sua comunità di utilizzatori, in corso a Roma fino a venerdì 28 ottobre.

Già vicedirettrice e coordinatrice del Dipartimento Network, Claudia Battista succede a Federico Ruggieri, entrato in carica nel 2015 ed arrivato a fine mandato. Con la sua nomina si rinnovano anche i ruoli di vice direttore e di coordinamento di due dei tre Dipartimenti GARR: il nuovo vicedirettore è Massimo Carboni, Chief Technical Officer e già coordinatore del Dipartimento Infrastruttura, mentre la nuova coordinatrice del Dipartimento Network è Sabrina Tomassini, ingegnere delle telecomunicazioni e in precedenza a capo del team che si occupa della pianificazione della rete. Claudia Battista, oltre al ruolo di direttrice, assume anche il coordinamento ad interim del terzo dipartimento GARR: Calcolo e Storage Distribuito (CSD). 

 

“La rete GARR è un obiettivo a cui ho contribuito per tutta la mia vita lavorativa e prenderne la guida oggi, in un momento in cui stiamo migrando alla nuova rete al Terabit GARR-T, rappresenta per me un coronamento dal punto di vista professionale ma anche una grande sfida”, ha dichiarato la neodirettrice. “Raccolgo l’eredità di Federico Ruggieri e di Enzo Valente, fondatore del GARR, con l’ambizione di poter continuare la crescita di un’infrastruttura e di una organizzazione che, dalla sua nascita, ha sempre supportato chi fa ricerca, formazione e cultura nel nostro paese nella fondamentale attività di comunicare e collaborare”. 

 

GARR

GARR è la rete telematica italiana ad altissima velocità dedicata al mondo dell’istruzione e della ricerca e offre connettività ad altissime prestazioni e servizi avanzati rendendo possibile la cooperazione internazionale nel campo delle e-Infrastructure. La rete GARR è realizzata e gestita dal Consortium GARR, un’associazione senza fini di lucro fondata sotto l’egida del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. I soci sono: CNR, ENEA, INAF, INGV, INFN e Fondazione CRUI, in rappresentanza delle università italiane. Maggiori informazioni: www.garr.it

Articolo precedenteFemminicidi nel 2021: il 40% con più di 60 anni
Articolo successivoAl via il 27 ottobre Faccia a faccia col ‘nonsense’
Direttore scientifico di Media Duemila e Osservatorio TuttiMedia. Visiting professor al Politecnico di Milano. Ha diretto dal 1983 al 2008 il McLuhan Program in Culture & Technology dell'Università di Toronto. È autore di "La pelle della cultura e dell'intelligenza connessa" ("The Skin of Culture and Connected Intelligence"). Già docente presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli Studi di Napoli Federico II dove è stato titolare degli insegnamenti di "Sociologia della cultura digitale" e di "Marketing e nuovi media".