Publitalia ’80, costantemente impegnata nello sviluppo di un’offerta pubblicitaria innovativa, guidata da un approccio pionieristico e sempre più tech-driven, da oggi annuncia una nuova tappa del percorso evolutivo. La Concessionaria del Gruppo Mediaset è infatti la prima in Italia – e fra le prime in Europa – a stringere una partnership con Samsung Electronics Italia Spa per adottare il nuovo standard HbbTV-TA (Targeted Advertising), potenziando così l’offerta pubblicitaria addressable video dedicata alle TV connesse.

Nello specifico, grazie all’accordo con la multinazionale coreana leader globale nella produzione di apparecchi TV, che ha implementato il nuovo standard in tutti i modelli prodotti dal 2021 a oggi, Publitalia ’80 ottimizza la tecnologia Dynamic Ad Insertion (DAI), sviluppata per consentire la sostituzione automatica dei tradizionali spot pubblicitari broadcast con annunci che sfruttano la banda larga e i protocolli tecnologici dei TV connessi (HbbTV).

Integrata nell’offerta video Addressable TV, questa tecnologia porta una migliore esperienza pubblicitaria al pubblico televisivo, mostrando annunci Addressable su TV Lineare pertinenti alle diverse tipologie di target, passando da un’erogazione in modalità “one to many” a una “one to one”. Al fine di fornire un servizio altamente performante, già da due anni, la funzionalità beneficia dell’implementazione di uno strumento avanzato in grado di monitorare l’erogazione degli spot, coordinando l’emissione tra digitale e lineare, per evitare sovraesposizioni all’interno di uno specifico break.

A seguito dell’implementazione del HbbTV-TA, il primo standard aperto dedicato alla pubblicità personalizzata che permette una sostituzione impercettibile e accurata, all’interno dei device Samsung, lo switch dello spot posizionato nel break lineare è ancora più fluido, per un’esperienza pubblicitaria di assoluta qualità.

“Siamo entusiasti di questa collaborazione con Samsung, leader nel settore televisivo, che porta Publitalia ’80 ad essere la prima e unica concessionaria in Italia a poter offrire ai propri inserzionisti le migliori tecnologie all’avanguardia sul mercato”, commenta Paola Colombo, Chief Digital Officer MFE Advertising (leggi la sua intervista per il nostro canale Donna è Innovazione). “Un passaggio evolutivo significativo che dimostra il costante impegno del Gruppo, nella duplice veste di Editore e Concessionaria, nel garantire allo spettatore un’esperienza di visione di massima qualità, favorendone l’attention, e assicurando dunque agli advertiser un’offerta pubblicitaria addressable in linea con le nuove esigenze di valutazione delle campagne pubblicitarie”.

Articolo precedenteMeta acquista 100km di GPU (benzina dell’AI) per 10 Miliardi di dollari
Articolo successivoAgcom: smercio illegale di milioni di sms non consumati