I primi commenti associativi alla proposta di regolamento che tende ad armonizzare la legislazione media in UE. Si è svolta oggi l’audizione di CRTV presso il Senato, Commissione IV (politiche dell’Unione Europea), relatore On. Giulio Terzi di Sant’Agata, sulla Proposta di Regolamento COM (2022) 457 che istituisce un quadro comune per i servizi di media nell’ambito del mercato interno, anche noto come European Media Freedom Act (EMFA). Il Presidente di Confindustria Radio Televisioni Franco Siddi ha rappresentato l’Associazione, accompagnato in aula dal Direttore Generale, Rosario Donato.

Dopo aver espresso apprezzamento e sostanziale condivisione sui pareri espressi sul provvedimento – il 29 novembre e il 12 dicembre scorso, rispettivamente dalla suddetta Commissione (IV Senato) e l’omologa della Camera (XIV) –  si è sottolineato che la proposta costituisce  un passo importante nella strada per creare un mercato dei media europeo concorrenziale e rispettoso dei valori di democrazia, correttezza dell’informazione e pluralismo, caratteristici delle imprese editoriali. La proposta si pone nel solco dei provvedimenti recentemente adottati dalla UE, e in particolare del DMA e del DSA, volti a ricondurre a un quadro di correttezza e di aderenza ai principi del TFUE l’attività delle grandi piattaforme online.

A questo riguardo, fra i principali aspetti toccati dall’intervento del Presidente c’è la persistente assenza di responsabilità e controllo delle grandi piattaforme che aggregano i contenuti. Tali operatori in realtà esercitano una forma di gestione editoriale, tramite algoritmi di profilazione, decisioni automatizzate e scelte precise sul posizionamento dei contenuti (considerando 8 del regolamento) discriminando su elementi, soggetti, e partner commerciali a cui dare preminenza. Sono cioè soggetti che orientano il mercato senza alcuna disciplina in grado di limitare tale potere. A fronte di tale assenza il settore media rimane iper-regolato, sotto profili economici, editoriali, organizzativi e l’inesistenza di un level playing field tra piattaforme e media radiotelevisivi, si riflette in un grave disequilibrio in danno di questi ultimi. Il regolamento  potrebbe rappresentare la base per una semplificazione normativa che mantenga in vita solo le regole necessarie e proporzionate: pubblicità, contenuti, rapporti di lavoro, finanziamenti, sono soggetti a un coacervo di regole non sempre coordinate o di semplice lettura.

La Proposta intende, tra l‘altro, impedire che l’esercizio di poteri tecnologici di controllo degli apparati attraverso cui gli utenti accedono ai contenuti (art. 19), generi indebiti effetti di creazione di barriere, di filtri o simili meccanismi distorsivi del mercato. Si tratta di un tema particolarmente delicato, in quanto, come rileva il considerando 37, esistono fenomeni di “priorizzazione” – realizzati, ad esempio, sulla schermata iniziale di un dispositivo attraverso funzioni di scelta rapida presenti nell’hardware o nel software, applicazioni e aree di ricerca – che influenzano il comportamento di navigazione dei destinatari. Il tema è quello della prominence, all’attenzione di diversi stati membri e dell’Associazione.

CRTV si è quindi espressa con favore sulle disposizioni dirette a vietare l’uso di programmi informatici per spiare i media (spyware), i giornalisti e le loro famiglie e a coordinare a livello UE e la diffusione di modelli “non giornalistici” di produzione e diffusione di notizie (algoritmi o altri sistemi non trasparenti) per i quali si auspica un maggiore coordinamento delle iniziative.

Sul nuovo organismo di vigilanza, il Consiglio europeo per i servizi dei media (EBMS, European Board for Media Services) che sostituirà il gruppo dei regolatori europei per i servizi di media audiovisivi (ERGA), si è apprezzato il ruolo di organo di mediazione e consulenza tra le varie Autorità (quindi, sostanzialmente, di coordinamento), nel rispetto dei loro ambiti di azione a livello nazionale e dei poteri sanzionatori in capo alla Commissione UE.

Nella mattinata sono stati auditi anche rappresentanti di Mediaset, Google Italia, RAI, dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, della Federazione Nazionale Stampa Italiana, di Aeranti-Corallo, dell’Associazione Nazionale Stampa Online, di Audiweb, Auditel, dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, di Audipress e dell’Ordine dei Giornalisti, oltre all’esperto Marco Beltrandi. CRTV ha lasciato un primo documento scritto, riservandosi di fornire ulteriori approfondimenti ove necessario.

 

 

Articolo precedenteL’Europa inclusiva cresce con le competenze
Articolo successivoNel 2023 deceleriamo con competenze e conoscenze
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.