Confindustria Radio TV esprime soddisfazione per l’approvazione in Aula alla Camera del c.d. DL Milleproroghe nel quale si è posto fine all’ennesimo tentativo di richiedere ulteriori proroghe per l’installazione dell’interfaccia DAB sui telefonini; obbligo previsto originariamente dalla Legge di Bilancio 2018 al 1° gennaio 2020 e già prorogato con il c.d. “Sblocca Cantieri” al 31 dicembre 2020. Il Governo ha infatti accolto l’appello di Confindustria Radio TV per rigettare i tentativi di nuovi rinvii e per sancire l’obbligatorietà della produzione e commercializzazione di apparecchi di telefonia mobile in grado di ricevere il segnale DAB, anticipando così tale scadenza al 21 dicembre 2020, termine in cui dovrà essere recepita la direttiva relativa al Codice delle Comunicazioni europee.

Finalmente, con tale intervento il Governo ha confermato gli impegni assunti per assicurare lo sviluppo della digitalizzazione nel settore radiofonico, al fine di garantire gli utenti sul piano del pluralismo dell’accesso all’informazione e sulla possibilità di poter usufruire gratuitamente della radio digitale anche tramite i terminali di telefonia mobile, strumento oggi utilizzato altresì per l’ascolto della radio in mobilità.

Colgo l’occasione – scrive il Presidente CRTV, Franco Siddi – per dare atto dell’ascolto e dell’iniziativa di Governo e Parlamento e per chiarire che questo è un risultato estremamente importante sostenuto con successo dall’intero sistema radiofonico italiano, molto attento ai diritti dei cittadini utenti e “consumatori della radio”, giacché dalla fine del 2020 potranno ricevere la radio digitale DAB anche sui propri cellulari”.