Cucinare con amore per gli amici e la famiglia diventa un lavoro su YouTube: Isabella Librando, italiana londinese, è riuscita a coniugare passione e lavoro: “1220 CookingUK, il canale YouTube che ho creato, mi ha ridato energia e la possibilità di guardare oltre la pandemia che imponeva di rimanere a casa senza amici- racconta -. Passavo le giornate ad inviare Cv sempre più triste, anche perché non ricevevo risposte, però continuavo a cucinare con amore …ed ora è lo slogan del mio canale YouTube.  Con questa esperienza mi sono convinta, ancora di più, che cucinare per le persone sia un’espressione d’amore e poter condividere questa sensazione globalmente è fantastico”. 

Ora Isabella è felice perché ad un certo momento la sua mente esce dalla gabbia di tristezza dovuta al confinamento, alla mancanza di lavoro e amici. La luce dell’alba di un nuovo giorno si materializza nell’idea di provare a condividere le ricette delle nonne, imparate durante le lunghe vacanze passate con loro mentre i genitori lavoravano oltremanica.  

Le porte dell’appartamento si aprono virtualmente, gli amici ritornano attraverso lo schermo e l’appuntamento per scoprire la ricetta del giorno diventa un momento di allegria e approfondimento sulla cucina regionale italiana, che coinvolge sempre più persone. 

Il canale YouTube 1220 CookingUK, hashtag #Cucina, #Amore #Tradizione è il lieto fine della storia di Isabella Librando che porta l’Italia nelle case della Brexit con video che divertono, soprattutto quando la nostra Chef parla della diversità di ingredienti simili usando anche parole dei dialetti regionali italiani. Pancetta e bacon sono un esempio eccellente del racconto di diversità e similitudine che con gli spaghetti alla carbonara si concentra sulle uova strapazzate “che non fanno parte di questo piatto – ripete – mentre mescola pasta, uova, pancetta, pepe e pecorino”. Ed allora emerge tutto l’amore che Isabella mette nella preparazione di un semplice piatto della tradizione romana che ha bisogno di piccoli segreti per riuscire bene.

Guardandola cucinare e spiegare le sue ricette emerge un particolare: la sua coscienza ecologica.  Isabella invita, laddove è possibile, a chiudere il fornello e terminare la cottura con il residuo del calore. Agli hashtag del canale 1220 CookingUK propongo di aggiungere #Sostenibilità #Tradizione #Modernità.

 “Sono felice di riunire passato e presente in un format che fa vivere i piatti delle nonne nella mia cucina, che sta diventano quella di tutti i miei utenti, così come la loro diventa la mia quando le ricette vengono riproposte con successo – sorride -. Quando promuovo una ricetta desidero appassionare e creare complicità con la mia comunità.  Condividere i segreti culinari che le nonne mi hanno insegnato è una legacy che riporta alle radici, al sentimento di appartenenza, sono certa che questi siano elementi importanti nelle difficoltà”. 

I social sono veloci, si sa, 1220 CookingUK with love (cucinare con amore) ha già la sua solida nicchia di utenti e i primi riconoscimenti sono arrivati: “Si sono stata appena scelta quale social media content manager di un gruppo di ristoranti indipendenti di Londra – sorride soddisfatta – lavorerò ad una campagna post pandemia che significa video, Facebook live, insomma sarò parte attiva del new normal”.

Il tempo dello sconforto è decisamente passato per Isabella Librando che ha applicato le sue competenze digitali al saper fare delle nonne. Anche se la sua determinazione è già evidente quando giovanissima si impegna nel settore della cooperazione internazionale. E’ stata in zone di guerra e nei campi di rifugiati in Iraq e Curdistan. Questo lavoro, che amava molto, è stato spazzato via dalla pandemia e la crisi relativa. Da allora ha cercato di realizzarsi nel mondo della rete ed in particolare nel settore degli eSports, dove supporta i London Spitfire (Overwatch League). Nel mondo della cucina ha però definitivamente realizzato il sogno di far diventare la sua passione per il cibo un lavoro tecnologicamente avanzato.

1220 CookingUK

 

Articolo precedenteL’urgenza di ripensare la comunicazione come servizio di pubblica utilità̀
Articolo successivoStelle inutili – Quale soprannaturale – linguaggi
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.