Da Idiot-Box a Smart-Television
Da Idiot-Box a Smart-Television

Una volta fu aperto un dibattito a proposito della televisione: c’è chi la riteneva poco più di un elettrodomestico da intrattenimento, chi un mezzo di promozione culturale, chi un totem chi un tabù.
Non c’è dubbio che oggi l’apparecchio televisivo sia diventato una scatola delle meraviglie perché permette una connessione col mondo e pertanto fa informazione, cultura, intrattenimento e tante altre cose.
Il televisore non è più uno specchio passivo: oggi la tecnologia ci permette di usarlo con un trampolino di comunicazione personale, per scegliere contenuti, per commentarli, per corrispondere interattivamente con il resto del mondo, di offrire servizi di pubblico interesse o semplicemente di privata ricreazione. Smart television è questa grande opportunità di gestire una visione personalizzata dalla propria poltrona, con gli effetti spettacolari e dinamici di uno schermo con tanti pollici.
Su questo argomento e sugli aspetti dell’innovazione tecnologica nel mondo della televisione, l’Osservatorio TuttiMedia ha organizzato un workshop a Milano, nella sede di Rai Pubblicità, per fotografare la situazione attuale e anticipare le prospettive future. La data del 21 novembre 2013 coincide con la celebrazione della Giornata mondiale della televisione, proposta dall’Organizzazione delle Nazioni Unite che considera la leadership della televisione come mass media un elemento fondamentale del progresso civile.
Al workshop parteciperanno Lorenza Lei, Presidente di Rai Pubblicità, Luigi Rocchi, Direttore delle Strategie Tecnologiche Rai, Gino Alberico, Responsabile del Centro Ricerche Rai di Torino, Gian Paolo Balboni, Direttore delle Ricerche di Telecom Italia e, per l’Osservatorio TuttiMedia, Maria Pia Rossignaud, Direttore di Media Duemila e Derrick De Kerckhove, Direttore Scientifico. Al workshop hanno aderito anche Egta, l’associazione Europea delle concessionarie di pubblicità televisive e radiofoniche, e Eurovisioni, l’associazione internazionale dei professionisti dell’audiovisivo.
L’appuntamento è per le ore 10.30 del 21 novembre in Corso Sempione 73 a Milano.
(si prega di contattare la segreteria dell’Osservatorio TuttiMedia per confermare la partecipazione: tel. 06.4819145, osservatoriotuttimedia@osservatoriotuttimedia.it).

Paolo Lutteri, Consigliere Osservatorio TuttiMedia

Articolo precedenteEuroBarometro: la cultura li salverà
Articolo successivoLa TV italiana da ieri a domani: ne parla Luciano, presidente FUB
Paolo Lutteri, di Milano, si occupa di comunicazione e marketing dal 1976. Laureato in Scienze Politiche all’Università di Milano e Diplomato all’Istituto Universitario di Lingue di Pechino. Giornalista pubblicista, iscritto all’Ordine dei Giornalisti e all’Unione Giornalisti Italiani Scientifici. Ha lavorato con il quotidiano Il Giorno, con le società Spe, Sport Comunicazione e Alfa Romeo; con il Gruppo Rai dal 1989 si è occupato di marketing, sport, nuovi media e relazioni internazionali. Ha tenuto corsi presso le Università degli Studi di Milano e Bicocca, le Università di Roma Sapienza e Tor Vergata. Attualmente studia e scrive articoli sull’innovazione culturale e tecnologica, fa parte del Comitato di Direzione della rivista Media Duemila, è socio onorario dell’Osservatorio TuttiMedia, membro d’onore dell’EGTA-Associazione Europea Concessionarie tv e radio, membro del Consiglio direttivo dell’Associazione Eurovisioni, socio e direttore del Centro Documentazione e Formazione della Fondazione Salvetti. e-mail: paolo.lutteri@libero.it