Di idee innovative e tecnologia oggi  il mondo ne è pieno. La domanda che mi pongo: ma per chi? E per cosa? Questa domanda mi tiene impegnata, cerco delle risposte. Molti dei miei dubbi probabilmente troveranno una risposta a metà dell’anno prossimo, quando l’Osservatorio TuttiMedia e Media Duemila con i partners che via, via si aggiungeranno, riuniranno esperti di tutti i settori per ricordare i cento anni dalla nascita di McLuhan, maestro di tutti ma sopratutto di Derrick che racconta: “Arrivato a Toronto desideravo scegliere uno o due  corsi di approfondimento  presso l’Università.  Rimasi colpito dalla parole di McLuhan che sollecitava a studiare il presente. Il quel momento la mia mente si illuminò, rimasi a seguire il corso, l’uomo, il professore…”

Ma è pur vero che oggi il villaggio globale guadagna nuovi significati, più ampi, meno tecnologicamente dedicati. Gianni di Giovanni direttore di Oil parla di  “Interrogativi ineludibili” nel suo ultimo editoriale e certo illustra le strade da percorrere  affinché ogni diritto umano sia rispettato.

Il Sole 24 Ore di sabato 18 settembre riporta la storia di Bond, manager australiano che senza abbandonare nulla sceglie di vivere nella terra dei suoi avi, in Trentino. Grazie ad una linea a banda larga può vivere e lavorare senza rinunciare a nulla. La valle di cui si parla è Val Primiero e grazie a MyValley potrà usufruire di servizi a banda larga eccezionalmente avanzati. In ultimo ma non ultimo il Corriere di venerdì 17 scorso illustra la situazione italiana. Gestori con punti di vista diversi e Telecom che promette investimenti utili a colmare il digital divide anche senza fondi pubblici.