logo


La televisione è cambiata, e con essa le abitudini e il consumo di informazione e intrattenimento. Tutte le piattaforme offrono televisione. In questo volume si ripercorrono le tappe della transizione al digitale, le difficoltà, gli interessi e i conflitti sulle regole del mercato e del pluralismo. La rigidità provocata dal fortificato duopolio della televisione generalista determina un blocco all’ingresso di altri operatori e ritarda l’innovazione. Lo scenario si modifica, l’offerta televisiva si arricchisce di nuovi canali in grado di produrre ascolti<span> </span>crescenti. Cambia lo statuto della televisione, dietro le tv generaliste spunta una coda sempre più lunga. I pubblici si segmentano. Il volume guida il lettore all’interno dei processi e dei primi risultati del cambiamento.

Autore

Nato a Siracusa il 4 luglio 1948, Francesco Siliato si è laureato in Scienze politiche all’Università di Urbino nel 1971 con una tesi sulla Gius-cibernetica. E’ giornalista professionista, studioso di comunicazione di massa e di pubblicità, è analista di economia e di politica dei media e del sistema dell’informazione. Ha sviluppato originali modelli di ricerca nell’analisi di contenuto. Analizza i comportamenti di consumo dei media, l’andamento dell’offerta delle reti televisive e realizza ricerche basate sulle elaborazioni dei dati dell’Offerta e del Consumo.
Ha fondato con altri  Index – archivio critico dell’informazione  società con cui ha realizzato molte e innovative ricerche sull’economia e i contenuti dei media e realizzato il  Rapporto sull’Informazione e Indice della comunicazione, newsletter sul sistema dell’informazione. Ha collaborato sin dal primo numero alla rivista  Alfabeta. Ha ideato e diretto il mensile specializzato in media elettronici e pubblicità  Electronic Mass Media Age.
Testata diffusa fra gli operatori dei reparti Mezzi delle agenzie di pubblicità e fra i responsabili di programmi e reti televisive e radiofoniche. E’ stato docente di Analisi del contenuto alla scuola di formazione al giornalismo dell’Ordine dei giornalisti e di Sociologia dei media all’Istituto Europeo del Design di Milano. E’ membro dell’associazione internazionale di studiosi della comunicazione  International Institute of Communications  (I.I.C.).
E’ partner, con Clelia Pallotta, dello  Studio Frasi  con il quale produce una classificazione dei programmi televisivi, una analisi dei flussi di audience, corsi di formazione, ricerche multidisciplinari di analisi del contenuto, consulenze di marketing della comunicazione, analisi di economia dei media e del sistema dell’informazione. Ha diretto un Osservatorio sulle strategie delle reti televisive durante la campagna elettorale per le politiche del 1994.
In precedenza aveva diretto l’osservatorio sulle politiche del ’92. E’ direttore della “fanzine per il media people”  Medialogo, edita da Media Consultants. E’ redattore di  Problemi dell’informazione, rivista trimestrale diretta da Paolo Murialdi, edita da Il Mulino. Per la rivista cura inoltre la rubrica “Libri, periodici e studi”. E’ titolare della rubrica settimanale di analisi dei consumi di televisione del  Sole 24 ORE, “Zapping”.
Collabora alla trasmissione televisiva di RaiTre MediaMente, dedicata ai nuovi media della comunicazione. E’ docente di Teoria e tecnica della comunicazione di massa al Politecnico di Milano.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!