Il libro è un’excurus sugli ultimi dieci anni di cinema e di televisione raccontati da Gianfranco Pannone per la rivista online il documentario.it. Riflessioni, note critiche e recensioni senza mai dimenticare che il “cinema del reale” si nutre anche di cultura, storia e politica, oltre che della vita di tutti i giorni.
La lente d’ingrandimento dell’autore si muove lungo un decennio difficile ma comunque appassionante, quello dei primi anni del 2000. Temi ricorrenti di Pannone: la cultura non per pochi, il complesso rapporto tra cinema e realtà, una rinnovata politica degli autori, ma soprattutto il desiderio di vivere in un Paese migliore.
Il tassista di cuba, Liberate Feltrinelli!, Le strade bianche del cinema italiano, W Wiseman! Kapuscinsky tra realtà e finzione, I furbetti del documentario, Preferisco Errol Morris, sono solo alcuni dei capitoli di questo libro.
Docdoc è il primo titolo della nuova collana Edizioni di CinemaSud, diretta da Paolo Speranza, responsabile della rivista Quaderni di Cinemasud e dell’omonima collana editoriale, che dal 2005 ha pubblicato 18 volumi: monografie sul cinema internazionale (Iran, Marocco, Slovacchia, Irlanda), su registi (Pasolini, Grifi, Greenaway, Massimo Troisi), sui festival, su cinema e letteratura (Anna Maria Ortese, Ladri di biciclette, Cristo si è fermato a Eboli), sulla storia del cinema, con l’antologia de Il maggese cinematografico e gli scritti critici di Vittorio Martinelli su Cinemasud.
La rivista e la collana Quaderni di Cinemasud (edizioni Mephite) sono nate con l’obiettivo di proseguire, rinnovandola, l’esperienza quarantennale del periodico Cinemasud (1958-1998), fondato dal critico cinematografico Camillo Marino con Pier Paolo Pasolini.

Autore.

Gianfranco Pannone è autore di cinema e insegna regia del documentario al Dams di Roma Tre e al Csc – Centro Sperimentale di Cinematografia, in cui si è diplomato. E’ proprio dal Csc che comincia il suo percorso di regista con Piccola America, film documentario che lo fa conoscere in Italia e in Europa. Tra il 1995 e il 1998 ha completato la sua “trilogia americana” con Lettere dall’America e L’America a Roma. Ha diretto tra gli altri Latina/Littoria (2001), Pietre, miracoli e petrolio (2004), Io che amo solo te (2005), Cronisti di strada (2007), Il sol dell’avvenire (2008), ma che Storia… (2010), Scorie in libertà (2011), Ebrei a Roma (2012), trovando attenzione e riconoscimenti nei festival italiani e internazionali. Con Mario Balsamo ha pubblicato nel 2010 L’officina del reale (Edizioni Cdg).