“Di fronte alle sirene dei populismi, complice la disinformazione, abbiamo bisogno di una  cultura costituzionale e per questo l’opinione pubblica deve essere informata chiaramente e correttamente per comprendere gli inganni che spesso si celano dietro tecnicismi giuridici e urla faziose”.

Come arrivare allo scopo? Facendo conoscere le attività della Corte costituzionale.

Donatella Stasio durante la presentazione del libro “Storie di diritti e democrazie. La corte costituzionale nella società”, scritto con Giuliano Amato, sottolinea, più volte, la necessità  di  condividere con le masse il lavoro delle Corti Costituzionali, baluardo a salvaguardia della democrazia: “Una costante alfabetizzazione costituzionale  – ha sottolineato Donatella Stasio – è più che mai necessaria”.

Un pomeriggio presso la sede dell’ordine Nazionale dei Giornalisti dedicato ad un argomento di attualità nel mondo globale che ha coinvolto oltre gli autori del libro “Storie di diritti e democrazie. La Corte costituzionale nella società” edito da Feltrinelli anche l’onorevole Ferdinando Casini, i giuristi Marta Cartabia, Giovanni Maria Flick e Giuliano Amato.

In effetti, come è stato detto da tutti i relatori, questo organismo dalle cui funzioni dipende la democrazia è poco conosciuto dal grande pubblico.

Donatella Stasio ha riportato l’esempio di Netanyahu che voleva normalizzare la Corte Suprema, una delle corti più famose per la sua coraggiosa giurisprudenza a tutela dei diritti delle minoranze e ha precisato che “nel mondo siamo di fronte a una regressione democratica senza precedenti, con carattere inediti,  perché non ci sono colpi di Stato, non ci sono insurrezioni, né rivoluzione, la democrazia viene erosa attraverso interventi normativi che singolarmente non sembrano pericolosi, dall’interno delle maggioranze politiche dei governi in carica e democraticamente eletti  e supportati da un ampio consenso elettorale”.

C’è il rischio di un progressivo svuotamento della democrazia costituzionale secondo Stasio, anche attraverso l’attacco all’indipendenza dei giudici che conduce verso autocrazie “o quelle che con un ossimoro vengono definite democrazie illiberali la cui caratteristica è di essere guidate dal leader carismatici che pretendono di parlare in nome del Popolo della nazione”.

“La sfida di questa epoca è arginare le migrazioni democratiche che si presentano attraverso la negazione del pluralismo. Cittadini, media, giuristi e Corti costituzionali devono essere capaci di vedere arrivare il cambiamento – conclude la giornalista autrice -. In Germania, Francia, Austria, Canada sono scese in campo a garanzia dei diritti del pluralismo, delle minoranze. Eppure quando io sono arrivata alla Corte costituzionale ho scoperto che solo il 15% degli italiani  la conosce. C’era e c’è un’enorme vuoto informativo da colmare”.

Chi è Donatella Stasio

Articolo precedenteGuerre: Usa e Mondo in mano ai contadini dello Iowa
Articolo successivoFinalmente il Testo unico sui servizi di media audiovisivi vale per tutti
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. II presidente Sergio Mattarella la ha insignita dell'onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Insignita dal presidente Mattarella dell'onorificenza di "Cavaliere al Merito della repubblica Italiana. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista Mobile Century e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.