Agli Stati Generali delle Donne ho parlato di stili di vita, non ho scelto il gruppo comunicazione perché sono convinta che oggi bisogna cambiare stile di vita, il mio intervento è pubblicato a questo indirizzo. La riflessione è legata alla drammaticità epocale che sta soffocando la nostra Italia. La slide relativa all’intervento di Milly Tucci (Istituto Piepoli – la ricerca integrale) riporta dati impressionanti sulla povertà nel Mezzogiorno, cresciuta dal 9,8% nel 2012 al 12,6 nel 2013. Oggi sul Corriere della Sera, Gian Antonio Stella ci gela nel suo fondo titolato “IL TESORO CHE L’ITALIA DISPREZZA” con i dati del Country Brand Index 2014-15: “Dallo scudetto alla zona retrocessione: come abbiamo potuto precipitare in soli dieci anni dal 1° al 18° posto come «marchio» turistico mondiale?”
Il Country Brand Index 2014-15 ci dice che tutti vogliono venire in Italia e personalmente lo constato tutte le volte che viaggio. “Il sogno di molti è venire in Italia eppure il turismo muore, prezzi alti, servizi pressoché inesistenti ci portano ad essere poco competitivi nel rapporto qualità-prezzo – si legge nel fondo di Stella – . Eravamo al 28° posto: due anni e siamo precipitati al 57°”.
Basterà l’Expo a farci rinascere?

Articolo precedenteDelle riforme
Articolo successivoCorruzione: non c’è solo Mafia Capitale, Italia maglia nera europea
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.