Pagina 34 - modello definitivo 300

Versione HTML di base

Dal laboratorio alla vita
Dal laboratorio alla vita
34
| N . 3 0 0 | G i u g n o / L u g l i o 2 0 1 4
eHealth Architect
− ICT Innovations, Domain Knowledge, Ethics, Business Modelling,
Persuasion.
Molte di queste professioni non corrispondono a posti di lavoro in ambito ICT esclu-
sivo, ma richiedono competenze trasversali – ad esempio nozioni di marketing, di modelli
di business, di comunicazione – per essere di supporto a imprese esistenti, imprese appena
nate o startup nei nuovi processi e innovazioni.
È, infatti, ormai evidente che la neo – nata imprenditorialità (le startup) avranno un ruolo
fondamentale per generare nuova occupazione nei prossimi anni, mentre le grandi aziende
stanno “consolidando” – se non riducendo – il numero del loro personale.
La sfida del mondo con una rinnovata imprenditoria deve e può essere vissuta sia come
grande opportunità per la creazione di nuovi posti di lavoro generati in diversi settori, sia per lo
sviluppo di nuove traiettorie educative al di là dei percorsi tradizionali di studi ICT. Oggi oppor-
tunità e necessità producono un terreno ideale per sperimentare metodologie educative, inedite
modalità organizzative dell’offerta didattica, ed anche la sperimentazione di curricula aggiornati.
Le iniziative di EIT ICT Labs in ambito ICT Education
per sviluppare competenze imprenditoriali
La sfida è riuscire a formare un numero adeguato di professionisti in ambito ICT, per
riuscire sono necessarie sicuramente iniziative strutturali a livello nazionale e Europeo
che partano sia da un corretto e più coinvolgente orientamento in ambito scolastico,
che dalla crescita dell’offerta formativa delle università. La strategia in ambito della alta
formazione di EIT ICT Labs si è invece concentrata sulla esplorazione di innovazioni sia
metodologiche che di contenuti nei percorsi formativi a livello di Master e di Dottorato.
Il focus è quindi principalmente sulla dimensione della innovazione e del miglioramento
della qualità dei percorsi piuttosto che sulla quantità numerica degli studenti (per la quale
sono per l’appunto necessarie le misure strutturali di cui sopra).
A tal fine, le attuali iniziative di EIT ICT Labs in ambito ICT Education rispecchiano
un approccio innovativo che vuole fornire percorsi formativi flessibili e misti (“blended”)
per le nuove figure professionali di “technical entrepreneur”. Quest’approccio vuole formare
nuovi talenti che siano in grado di coniugare competenze e conoscenze profonde in ambito
tecnico ad ampie competenze legate all’innovazione e alla cultura imprenditoriale, i cosiddetti
talenti “T-shaped”. Questo tipo di profilo si riferisce a figure professionali molto simili a
quelle descritte sopra – per esempio Cyber-Security Engineer, Big Data Analyst, Interaction
La sfida è
riuscire
a formare
un numero
adeguato di
professionisti
in ambito ICT.
ALMA MATER STUDIORUM–UNIVERSITÀ DI BOLOGNA
La
ricerca dell’Università di Bologna è
internazionale
,
interdisciplinare
e di
eccellenza
. La
competitività è dimostrata dai suoi risultati: circa 11.000 prodotti sviluppati in media ogni
anno,
200 brevetti
in portfolio, oltre
91M
e
€ a livello europeo:
nel settimo programma
quadro
l’Alma Mater è risultato il primo ateneo italiano per finanziamenti ricevuti, secondo un rapporto UE
di agosto 2013. L’Università di Bologna dimostra anche un forte legame con il territorio regiona-
le, grazie ai
sette Centri Interdipartimentali di Ricerca Industriale
(con progetti che spaziano
dall’agroalimentare alla meccanica, all’ICT, dai materiali e dall’ecodesign industriale alla sicurezza
e all’efficienza energetica) ma anche nazionale, partecipando a sei degli otto Cluster Tecnologici
Nazionali del MIUR. All’interno della KIC ICT le aree focus dell’Ateneo di Bologna sono: Cyber-Physical
Systems, Future Cloud, Smart Spaces, Urban Life and Mobility.