Pagina 57 - modello definitivo 300

Versione HTML di base

Giugno/Luglio 2014
FUB: ricerca ed innovazione
al servizio del Paese
Supplemento al numero 300 di
La Fondazione Ugo Bordoni quale storico ente deputato alla ricerca ha in questi anni acquisito
un patrimonio di conoscenze e competenze che le attribuiscono una posizione di rilievo nel pa-
norama internazionale.
Oggi tali abilità sono al servizio della società. La Fondazione si candida, dunque, al ruolo di
catalizzatore tra mondo della ricerca, contesto industriale ed istituzioni con lo scopo di elaborare
una strategia condivisa e finalizzata all’ottimizzazione di iniziative utili ad evitare frammentazione
e dispersione di risorse.
Alla storica riluttanza del Paese a destinare risorse a ricerca ed innovazione (1,25% nel 2011 a
fronte di una media OCSE del 2,37%), si è in questi ultimi anni affiancata l’aggravante della crisi
globale che ha investito inevitabilmente anche il settore ICT, per questo motivo la FUB ha deciso
di raccogliere le esigenze del comparto al fine di sensibilizzare le istituzioni.
Una serie di incontri con le aziende attive nel comparto, tra cui i nostri soci fondatori (Ericsson,
Poste Italiane, H3G, Telecom Italia, Vodafone, Wind), hanno permesso di fotografare le attività
di ricerca in atto e di evidenziarne le criticità. Questo lavoro di raccolta ed analisi è diventato un
momento di confronto costruttivo durante l’incontro dello scorso aprile presso il CNR.
Lo scenario di eccellenza per la ricerca pubblica è emerso chiaramente. La validità della nostra
ricerca appare indiscutibile: riconoscimenti ai nostri ricercatori; buone posizioni di ranking nel
rapporto costo-ricercatore/produttività-scientifica. Emerge però il limitato impatto che spin-off di
università, enti pubblici di ricerca e privati hanno sull’intero comparto. La definizione di una stra-
tegia condivisa per arrivare ad un punto di equilibrio che soddisfi le esigenze della ricerca, delle
aziende e del cittadino è un dovere per chi ne ha competenza.
Da tempo l’attività della Fondazione si divide tra ricerca e innovazione in un mix che, non dimenti-
cando la centralità della ricerca come momento formativo e di presidio delle conoscenze strategiche,
fa dell’applicazione e dell’implementazione di tali competenze il fulcro della propria azione innovativa
nei confronti, in primo luogo, della Pubblicazione Amministrazione ed anche a tutela del cittadino.
Alessandro Luciano
Presidente della Fondazione Ugo Bordoni
Si ringraziano
Daniela D’Aloisi
Fabio Forcina
Giacinto Matarazzo
Francesco Matera