Pagina 59 - modello definitivo 300

Versione HTML di base

Giugno/Luglio 2014
Supplemento al numero 300 di
A
59
FUB: ricerca ed innovazione al servizio del Paese
Una più stretta collaborazione tra ricerca e innovazione è necessaria per mettere a
sistema attori pubblici e privati al fine di affrontare sfide tecnologiche e sociali. La
Fondazione Ugo Bordoni ha da tempo superato questa dicotomia, mettendo le com-
petenze acquisite nelle attività di ricerca a servizio della Pubblica Amministrazione per
la realizzazione di soluzioni innovative per alcuni processi cruciali per il Paese.
Anche le istituzioni di ricerca pubblica (università ed enti quali il CNR e l’ENEA) sono impegnate
nel superamento dello iato tra ricerca ed innovazione, come testimonia l’aumento delle unità di tra-
sferimento tecnologico (UTT) e degli spin-off, impegnati a
commercializzare
la ricerca.
È comunque interessante fare alcune considerazioni sullo stato della ricerca in Italia e del rapporto
tra università ed Enti Pubblici di Ricerca (EPR) e le aziende.
Negli ultimi decenni l’Italia ha presentato una persistente difficoltà di fare innovazione nel settore
ICT.
Nel 2012, la FUB in collaborazione con Cotec ha studiato il ruolo del capitale umano nella filiera
ICT e, in particolare, il tema della carenza di competenze (
skill shortage
) di neolaureati in ingegne-
ria (elettronica, informatica, gestionale, di telecomunicazioni) nel settore esaminando il rapporto tra
domanda e offerta con un’analisi qualitativa presso un campione caratteristico di università, player
delle TLC (Telecom, Fastweb, Wind, Vodafone, 3 Italia, Telespazio, Selex) e fornitori di servizi (Poste,
Terna, Enel). La ricerca ha coniugato aspetti quantitativi e qualitativi: sono stati analizzati i dati più
recenti sull’offerta e domanda di laureati.
Per quanto riguarda l’università (lato offerta) sono stati stimati dati e tendenze delle immatri-
colazioni, percorsi formativi e post formativi. Sono emerse grandi difficoltà di comunicazione tra
università e impresa e assenza di obiettivi comuni. L’università rimprovera all’impresa di non essere
innovativa e di non riuscire ad assorbire le competenze di alto profilo formate in ambito accademico.
Università e impresa troppo distanti
Collaborare per innovare il sistema
Figura 1.
Spesa per la ricerca (percentuale del PIL) da OCSE, Main Science and Technology Indicators 2013.
Paese
1981-1985 1986- 1990 1991-1995 1996 -2000 2001 -2005 2006 -2010 2011
UE 15
1.71
1.87
1.80
1.79
1.87
1.98
2.09
UE 28
-
-
1.65
1.69
1.75
1.84
1.94
OCSE
2.04
2.21
2.09
2.13
2.21
2.34
2.37
Francia
2.04
2.22
2.32
2.18
2.18
2.17
2.24
Germania
2.45
2.68
2.29
2.32
2.51
2.68
2.88
Giappone
2.47
2.78
2.83
2.91
3.16
3.39
3.39
Italia
0.95
1.18
1.08
1.02
1.10
1.21
1.25
Polonia
-
0.88
0.72
0.66
0.57
0.63
0.76
Spagna
0.46
0.67
0.83
0.85
1.03
1.32
1.33
Grecia
0.15
0.28
0.40
0.53
0.58
0.59
-
UK
2.24
2.13
1.96
1.79
1.75
1.79
1.77
USA
2.57
2.67
2.56
2.61
2.62
2.80
2.77
di
Mario Frullone
|
Direttore delle Ricerche della Fondazione Ugo Bordoni
e
Gabriele Falciasecca
|
Università di Bologna