Pagina 6 - modello definitivo 300

Versione HTML di base

Agend
Siamo dunque al nuovo Rinascimento italiano, la sua visione?
La ricerca è fondamentale per un Paese – ma anche per una città, un’a-
zienda, – che intenda rilanciarsi, perché la ricerca è sviluppo ed economia.
Il rilancio del nostro Paese passa attraverso l’investimento in cultura, educa-
zione e conoscenza. Educazione e ricerca sono i fondamenti di “società della
conoscenza” perché solo attraverso l’innovazione e un modo nuovo di pen-
sare possiamo tornare ad essere quei “geni inventori” che siamo sempre stati.
Ed è questo che mi viene alla mente quando si accostano le parole ricerca e
rinascita. Mi viene in mente quando, nel periodo del boom economico del
dopoguerra, l’ Italia si conquista sul campo il ruolo di settima potenza indu-
striale mondiale, riscattandosi dalla crisi bellica che l’aveva messa in ginoc-
chio. Le storie di tanti imprenditori, piccoli e grandi, ce lo insegnano. La
capacità di scoprire cose nuove, attraverso processi creativi è ciò che “ha
fatto la differenza” e spesso anche il benessere di migliaia di famiglie di lavo-
ratori. A questo dobbiamo guardare ed è per questo che occorre tornare a
credere nella ricerca garantendo, per esempio, livelli formativi universitari e
post universitari di eccellenza, condizioni economiche e lavorative adeguate
per coloro che svolgono l’attività di ricerca, meccanismi competitivi e pre-
mianti il merito, un adeguato livello di finanziamenti strutturali ed infra-
strutturali e canali di comunicazione con il mondo delle imprese per garan-
tire la massima ricaduta. La sfida è ambiziosa ma vale la pena raccoglierla.
Quali le priorità per ridurre il gap fra tecnologia e cultura che in Italia
è certamente maggiore che nel resto dell’Europa.
La scommessa del Governo è di fare dell’Italia un Paese tecnologicamente
avanzato. È per questo che crediamo molto nel progetto dell’Agenda digitale
dove sono state declinate le priorità strategiche per quanto riguarda la Crescita
Digitale e lo sviluppo di Infrastrutture Digitali. Un progetto che ha alla sua base
una strategia che guarda all’utilizzo dei Fondi Strutturali per il periodo 2014-
2020 e che punta ad un’Italia in cui il digitale sia la leva del cambiamento del
Paese, a servizio di una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. Le politiche
per il digitale stanno quindi concorrendo a creare un quadro normativo verso
la semplificazione e la trasparenza: stiamo varando molti provvedimenti per la
digitalizzazione in tutti i campi, dalla giustizia al commercio al fisco.
L’Italia dei
Geni Inventori
per un nuovo Rinascimento
“Il Governo pensa ad un Paese che cresce – spiega a
Media Duemila
il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio – quando si punta
su cultura, ricerca, innovazione e formazione digitale”.
6
| N . 3 0 0 | G i u g n o / L u g l i o 2 0 1 4
Cosa significa
cultura digitale?
Un uso consapevole
e informato delle
tecnologie abilitanti
che oggi Internet mette
a nostra disposizione.
Anna Masera
Responsabile Comunicazione
Camera
Dal laboratorio alla vita
Dal laboratorio alla vita