I tablet stanno cannibalizzando le vendite dei netbook e il 2011 sarà l’anno del definitivo boom (si prevedono 48 milioni di iPad venduti in tutto il mondo). Nel prossimo numero Media Duemila propone una guida su offerte, servizi e costi dei principali quotidiani italiani in mobilità. Ne discutiamo con Ernesto Assante, giornalista di Repubblica

 

È finita l’era del “tutto gratis per tutti” nell’informazione on line oppure questo vale solo per l’informazione in mobilità?

L’era del tutto gratis per tutti è ancora ampiamente in auge. L’informazione sul Web resterà gratuita ancora per molto, anche se verrà affiancata sempre più spesso da prodotti a pagamento, soprattutto attraverso le “app” che iniziano ad uscire dal mondo degli smartphone, come dimostra l’App Store per Mac aperto dalla Apple. A pagamento arriveranno molti prodotti nuovi, non solo le repliche dei quotidiani, per smartphone e tablet, che consentono sistemi di micropagamenti funzionali, e abbonamenti. Soprattutto perchè saranno “giornali” e non siti web, giornali di tipo nuovo, ma pur sempre giornali.

 

Attraverso il BlackBerry la lettura degli articoli on line è completa e gratuita. Su iPhone è parziale perché dopo un certo numero di righe per proseguire la lettura bisogna abbonarsi. Questione tecnica o scelta commerciale?

Questione tecnica. Ovviamente non c’è una scelta editoriale o aziendale in questo senso.

 

Cosa offre al lettore la versione mobile del quotidiano? E che cosa gli nega?

Gli offre il giornale dove si vuole, quando si vuole, arricchito da contenuti multimediali, video, audio e fotogallery, da sfogliare con un dito, con i singoli articoli che possono essere visualizzati in formato testo, un esperienza di lettura “aumentata”, per molti versi migliore. Cosa gli nega? Solamente la carta.

 

Il costo dei device (iPad e iPhone) può essere un limite per la crescita delle connessioni mobile?

In una prima fase sicuramente si. Ma sul lungo periodo no. Il costo del computer è mai stato un limite per la crescita di Internet?

 

È in arrivo l’era mobile nonostante l’Italia soffra ancora di banda larga “troppo stretta”. La navigazione così come la conosciamo oggi (da postazione fissa) è in via d’estinzione?

No, non si estinguerà, non foss’altro perchè i computer fissi sono ancora dominanti nei posti di lavoro. La navigazione mobile crescerà e supererà quella fissa perchè la società si avvia ad essere costantemente connessa.

 

intervista di Sara Alesi

Articolo precedenteAllo Smau Business di Bari cultura dell’innovazione nel mondo dell’impresa
Articolo successivoUn manuale per capire la comunicazione aziendale