Di energia pulita parlano Massimo Sideri e Giovanna Caprara su il Corriere della Sera, noi in occasione della XIV edizione di Nostalgia di Futuro abbiamo premiato Francesca Ferrazza (Head, Magnetic Fusion Initiatives presso Eni S.P.A). Sì, è proprio Francesca Ferrazza che si occupa del nostro futuro: ”Sì, parliamo di energia del Futuro in cui noi come azienda crediamo e ci stiamo investendo – spiega a Milano presso la Fondazione Eni Enrico Mattei – Noi come azienda ci stiamo investendo e non solo in Italia. Rappresenta il futuro dell’energia”.

La fusione magnetica è  quello che negli ambienti dedicati all’Innovazione viene definito un game changer  perché come si legge nelle pagine web di Eni è “La fusione di due nuclei d’idrogeno libera un’enorme quantità di energia ed è la reazione fisica, totalmente naturale, che alimenta il Sole e le altre stelle. Il suo grande vantaggio è che non emette gas a effetto serra, né sostanze fortemente inquinanti o altamente radioattive, rendendola una fonte energetica estremamente interessante. Inoltre, è virtualmente inesauribile”.

Articolo precedenteColasante (Google): le ricerche dimostrano sempre più sensibilità di governi e persone sul risparmio energetico
Articolo successivoPagani (Eni): #Digitalizzazione #GemelloDigitale #Sostenibilità #FusioneNucleare
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.