Pagare per essere informati correttamente, pagare per notizie come per il caffè o il gelato. La direzione del mondo dell’editoria va verso questa strada.

Sono stata al Wall Street Journal dopo 14 anni. La prima volta la redazione, di questo giornale che secondo quanto mi è stato raccontato non conosce crisi drammatiche, era nelle Torri Gemelle. Anche dal tempio dell’informazione economica sottolineano che non si può pretendere di essere informati senza pagare nulla.

Carlo De Benedetti nel suo articolo su Il Sole 24 Ore del 25 giugno propone la sua visione. Un mondo in cui la convergenza di interessi vince. In Media Duemila raccoglieremo pareri, fotograferemo situazioni, per contribuire a trovare il giusto equilibro fra qualità, serietà e costi cominciando dal Wall Street Journal.