Lo sviluppo dei talenti imprenditoriali non è andato di pari passo con la crescita delle competenze tecnologiche necessarie per la migliore competitività delle imprese italiane. Un ulteriore dato a conferma di questo arriva da un recente report di Empirica sullo stato delle competenze digitali in Italia. Per dare alcuni dati, dal 2009 al 2010 c’è stata una crescita del 9% di cittadini con elevate competenze digitali, soprattutto nell’uso della rete, arrivando al 12% nel periodo 2011-2012, ponendo l’Italia all’11° posto in Europa. Tuttavia, la crescita media europea nell’ultimo dei due periodi analizzati si è assestata al 13,67%, portando l’Italia in 14° posizione. Come dire: cresciamo, ma meno degli altri. Vi è anche una migrazione dell’uso delle nuove tecnologie dall’ambito professionale a quello privato, fatto che può ben essere sintetizzato nell’espressione “internet of things”, per battezzare in certo senso l’era in cui viviamo. Allo stato attuale sono ben oltre 20 mila i posti di lavoro vacanti per figure con alte competenze tecnologiche, ma l’esplosione che si prevede in Italia, stando al report fornito da Empirica, è che si possa arrivare ad 84 mila nel 2016, per crescere omogeneamente fino a 176 mila nel 2020. Il dato più interessante che emerge, è che diminuisce leggermente il trend di posti di lavoro strettamente nel settore ICT, passando dalle 654 mila unità del 2012 alle 632 mila previste nel 2020, mentre cresce la richiesta di figure con competenze in information technology di alto livello anche in settori fuori dall’ICT, passando da 675 mila professionisti nel 2012 agli 808 mila previsti nel 2020, solo per quanto riguarda l’Italia.
Il tema animerà l’evento conclusivo della campagna europea eSkills for Jobs 2014 – Making a career with Digital Technologies, che si terrà a Roma domani, 30 ottobre, dalle 8,30 alle 18 presso Roma Eventi, in via Alibert 5 (Metro A Spagna). La campagna, fortemente voluta dalla Commissione Europea, è coordinata in Italia da ANITEC – Associazione Nazionale Industrie Informatica, Telecomunicazioni ed Elettronica di Consumo e a livello europeo da DigitalEurope. Questa conferenza è il secondo evento internazionale, dopo quello di lancio del programma, che ha avuto luogo il 6 maggio 2014 a Atene, nel semestre greco di presidenza dell’Unione Europea.
La conferenza riunirà i responsabili politici, i leader di settore, imprenditori, professionisti dell’ICT e soprattutto i giovani, per richiamare la loro attenzione sulle crescenti esigenze di competenze digitali e per le opportunità che esse costituiscono per l’ingresso nel modo del lavoro. Tra gli interventi, quelli di:
• Stefania Giannini, Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca
• Peter Pellegrini, Ministro dell’Istruzione, Scienza, Ricerca e Sport, Repubblica Slovacca
• Sandro Gozi, Sottosegretario di Stato agli Affari Europei, Presidenza del Consiglio dei Ministri
• Michel Catinat, responsabile Key Enabling Technologies e Digital Economy della DG Imprese e Industria della Commissione Europea
• Luigi Rocchi, Direttore delle strategie tecnologiche della Rai
• Piotr Pluta, Senior Manager, Corporate Affairs – Emear, Cisco Systems
• Ida Sirolli, Responsabile Research & Education – Telcom italia
• Alessandra Poggiani, Direttore AGID
• Diego Ciulli, Senior Policy Analyst, Google
• Carlo Purassanta, Ceo, Microsoft Italy
• Stefano Quintarelli, Intergruppo parlamentare per l’innovazione
• Julian DAVID, Chief Executive Officer, TechUK, Vice President of DigitalEurope
• Giancarlo Grasso, Vicepresidente Anitec
Moderatore: Marco Camisani Calzolari, docente universitario ed imprenditore nel settore Ict
L’evento ha fra i suoi obiettivi principali la creazione di una piattaforma di comunicazione europea sul tema delle competenze digitali che riunisca il maggior numero di stakeholder pubblici e privati e lo sviluppo di azioni congiunte pubblico-privato per ampliare la consapevolezza sul valore delle competenze digitali in termini opportunità occupazionali e di carriera.
L’evento è realizzato con la collaborazione di CISCO, FACEBOOK, GOOGLE e ORACLE.