Facebook  subisce con una sentenza in Germania  che limita il modo in cui il gigante dei social media può raccogliere dati attraverso le sue molteplici piattaforme, come WhatsApp e Instagram. A segnalarlo è Shelley Palmer.  L’analista USA dice che “Facebook non ne è contento, per non dire altro e ricorda che la società di Menlo Park dice che sta raccogliendo tutti questi dati per il bene di tutti e soprattutto per proteggere dal terrorismo e dagli abusi sui minori”.

Il Bundeskartellamt, il regolatore federale tedesco della concorrenza commerciale, ha stabilito che Facebook non può più utilizzare i dati che raccoglie su piattaforme diverse senza il permesso esplicito degli utenti., si legge su GIZMODO. Gli utenti di Facebook in Germania e  ed anche in altri paesi non avevano modo di rinunciare alla condivisione dei dati tra piattaforme come WhatsApp, Instagram e app di terze parti non di proprietà di Facebook.

“Oggi secondo quanto segnalato dai due esperti  per combinare tutti i dati in un account  Facebook c’ é bisogno del consenso volontario fornito dagli utenti”, ha dichiarato in una nota Andreas Mundt, Presidente del Bundeskartellam.

Il Bundeskartellamt sostiene che Facebook abbia usato questa raccolta di dati in modi anticoncorrenziali: “La società ha una posizione dominante nel mercato tedesco dei social network” –  ha detto il regolatore in una dichiarazione sul suo sito web –  “Con 23 milioni di utenti attivi al giorno [in Germania] e 32 milioni di utenti attivi mensilmente Facebook ha una quota di mercato superiore al 95 percento (utenti attivi giornalieri) e oltre l’80 percento (utenti attivi mensili).”

L’autorità di regolamentazione tedesca ha anche ricordato che Google+ si spegnerà nell’aprile 2019 e che gli altri concorrenti di Facebook come Snapchat, YouTube e Twitter offrono solo ” una piccola parti dei servizi” di Facebook.

Facebook sta respingendo e sostiene che esiste una vera competizione tra le piattaforme di social media nel paese… Continua a leggere qui:

Facebook Says It Needs to Collect All Your Data to Protect Against Terrorism and Child Abuse

 

Articolo precedenteSalvetti Foundation: visita il sito aggiornato
Articolo successivoPresentata alla sede ANCI l’Indagine Conoscitiva sull’Informazione Locale
Ha conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi della Tuscia e si è specializzata in Editoria e Giornalismo presso l'Università LUMSA di Roma. Attualmente lavora per TuttiMedia/Media Duemila.