Tra untori del falso, cioè spargitori di fake news, e custodi della verità, talora a costo di limitare la libertà d’espressione, domina la confusione dei fruitori dell’informazione. E, intanto, giganti del web come Google e Facebook cercano antidoti al contagio.

Secondo una ricerca dell’Osservatorio di Findomestic, oltre il 50% degli italiani ammette d’essere caduto nel tranello delle fake news almeno una volta nell’ultimo anno – e sono quelli che se ne sono accorti -: il 13% dice di avere ‘abboccato’ a più di cinque notizie fasulle; e oltre il 40% non sa distinguere notizie inventate e già smascherate come tali da notizie ‘buone’.

Così, tre italiani su 10, rivela l’indagine, continuano a credere che la presidente della Camera Laura Boldrini abbia una sorella che gestisce centinaia di coop che offrono assistenza ai migranti, mentre la bufala virale della bimba musulmana di 8 anni data sposata a Padova a un uomo di 35 è tuttora ritenuta vera dal 63% del campione. Il 26% è convinto che Donald Trump abbia dichiarato che la Statua della Libertà incoraggia l’immigrazione.

I siti internet sono considerati i mezzi di informazione più attendibili dal 29,4% degli italiani (c’è un picco del 36% nella fascia 18-24 anni), davanti a tv (26,5%), blog (18,1%), quotidiani (10,1%), social network (7,7%), radio radio (6,3%). Metà degli intervistati si dichiarano favorevoli a una forma di controllo non meglio precisata che certifichi che cosa è vero e che cosa no, meglio se condotto da un organismo imparziale.

Osservatorio di Findomestic

Articolo precedenteFacebook Privacy Center e le linee guida sulla privacy
Articolo successivoIstituita la nuova figura del difensore civico per il digitale ne parliamo con l’avvocato Scorza
È attualmente consigliere per la comunicazione dell’Istituto Affari Internazionali; collabora con vari media (periodici, quotidiani, radio, tv) e con l’Unione europea; gestisce il sito GpNewsUsa2016.eu; tiene corsi in Università e scuole di giornalismo. Inizia l’attività giornalistica a “La Provincia Pavese” nel 1972. Dal 1976 al ’79 è alla “Gazzetta del Popolo” di Torino, per la quale nel 1979 apre l’ufficio di corrispondenza a Bruxelles. Nel 1980 passa all’Ufficio dell’Ansa di Bruxelles di cui diventa responsabile nel 1984. Segue per dieci anni la Cee e la Nato. Nel 1989 è a Roma: caporedattore Esteri, caporedattore centrale Esteri, vide-direttore. Nel 1992 è tra i fondatori dello European Press Club, di cui è tuttora segretario generale. Nel 1999 va a guidare l’ufficio Ansa di Parigi e nel 2000 diviene responsabile dell’ufficio di Washington e del Nord America. Dal dicembre 2006 al giugno 2009 dirige l’Ansa. Dopo è successivamente direttore de l'AgenceEurope, di EurActiv.it e vice-direttore de La Presse.