“La cultura dell’innovazione serve a tutti gli attori che partecipano al sistema sanitario nazionale”. Sono parole di Enrica Massella (AGID responsabile Servizio ecosistemi Area trasformazione Digitale) che ha partecipato al convegno “La trasformazione digitale per integrare sanità e sociale”. A Sorrento si sono riuniti politici, tecnici operatori e aziende per parlare di fascicolo sanitario elettronico e le sue applicazioni.

Come in molti altri campi della nostra vita la tecnologia è avanti, ma la cultura dell’innovazione manca ed è questa l’unica ragione per cui le nuove prassi non si diffondono alla velocità immaginata, considerato l’ambito di appartenenza.

“Anche gli standard però sono determinanti – continua Enrica Massella – perché specifiche valide che permettono di certificare i dati sono base del processo anche se solo la promuovere all’utilizzo del FSE può evitare che vengano vanificati gli sforzo di anni. Divulgare fra gli assistiti, medici e farmacisti è l’unica via per il successo”.

Adriana Agriimi (AGID – Dirigente Area trasformazione Digital) parla di piano triennale, coordinamento di prossimità e del primo piano strategico che permette a 92 comuni di costruire una visione comune sui possibili miglioramenti del servizio sanitario.

Dai due giorni di Sorrento emerge che negli ultimi 3 anni sono aumentate del 90% le adesioni regionali al Fse. Agid continua, dunque a sostenere tutti gli altri attori istituzionali per migliorare la gestione dei dati sanitari e favorire la diffusione di questo strumento

Attualmente il 95% delle Regioni italiane dà la possibilità ai cittadini di attivare un fascicolo sanitario elettronico. Sono ancora pochi però i cittadini con la cultura giusta per capire l’importanza dello strumento.

Il fascicolo può consentire di avere a disposizione in qualsiasi momento i propri dati clinici in formato digitale, eliminando la documentazione cartacea, quindi permettendo risparmi di costo e una migliore accessibilità delle informazioni sanitarie da parte del paziente, nonché delle Asl e delle strutture ospedaliere e facilitando così anche gli interventi di cura ordinari e straordinari.

Oggi le Regioni operative sono passate dalle 10 del 2016 alle attuali 19: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Trentino Alto Adige, Umbria, Val d’Aosta, Veneto.

Mentre ammontano a 11 milioni e mezzo gli italiani che hanno dato il consenso all’apertura di un proprio fascicolo sanitario elettronico e hanno toccato complessivamente quota 239 milioni i referti digitalizzati.

Articolo precedenteDating un mercato da 1447 MLN di dollari nel 2023 – Privacy poca
Articolo successivode Kerckhove al Sum#3: siete tutti transumani
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media , e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovanni storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono alle stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. Responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. L'ultimo testo: Are you ready for your digital twin. Per Ars electronica (uno dei premi pi+ù prestigiosi nel campo dell'arte digitale ha scritto nel catalogo "POSTCITY".