Fieg fake news

Un fenomeno in crescita, da affrontare insieme. Si intitola “La pirateria nel mondo del libro. Crescita del fenomeno e strumenti di contrasto” la presentazione della seconda indagine Ipsos commissionata dall’Associazione Italiana Editori (AIE) e in programma il 29 marzo, alle 11, al Ministero della Cultura (Sala Spadolini, Via del Collegio Romano 27 – Roma). Un appuntamento voluto da Gli Editori, l’Accordo di consultazione e azione comune sottoscritto a giugno 2019 da AIE e dalla Federazione Italiana Editori di Giornali (FIEG) per formalizzare la collaborazione su iniziative condivise di sensibilizzazione di istituzioni, amministrazioni e cittadini sulle tematiche dell’informazione e dell’editoria.

La ricerca fotografa l’ampiezza del fenomeno, i danni arrecati all’industria del libro nel suo complesso e ai principali settori (editoria di varia, editoria universitaria, editoria professionale), l’impatto sull’economia nazionale e i mancati introiti per il fisco.

A confrontarsi, a partire dai dati, i presidenti di AIE e FIEG, le Istituzioni, le Forze dell’Ordine, l’autorità amministrativa e di Governo.

L’appuntamento, moderato dal direttore dell’Ansa Luigi Contu, si aprirà con il saluto del Ministro della Cultura Dario Franceschini, introdotto da Ricardo Franco Levi, presidente AIE e Andrea Riffeser Monti, presidente FIEG. Seguirà la presentazione dell’indagine a cura di Nando Pagnoncelli, presidente di Ipsos Italia. Interverranno quindi la scrittrice Stefania Auci, il direttore della Direzione per i servizi digitali di AGCOM Benedetta Alessia Liberatore e il generale di brigata e comandante del nucleo speciale beni e servizi della Guardia di Finanza Renzo Nisi.

 Concluderà la mattinata di lavori il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega all’editoria Giuseppe Moles.

L’evento, possibile in presenza solo per i registrati entro il 28 marzo alle 12 all’indirizzo email: segreteria@aie.it, sarà trasmesso anche in streaming sul sito di AIE e di FIEG. Il documento di identità verrà richiesto all’ingresso in sala.

 I giornalisti devono accreditarsi, con numero di documento, inviando una mail entro le 15 di lunedì 28 marzo a: ufficiostampa@aie.it.

Programma

Articolo precedenteeM Client: la versione 9.0 è ora disponibile
Articolo successivoDigital Workout di Emanuele Pisapia