logo


Facebook è una bufala? Negli ultimi anni l’importanza del Social Media Marketing è stata esagerata. Questo libro finalmente distrugge i falsi miti. Marco Camisani Calzolari ci guida con ironia nella giungla odierna dei “Super Guru”, spiegandoci che la strada giusta non è avere tanti fan su Facebook, ma riportare le persone nella nostra “casa” digitale. Perché se Facebook è solo uno strumento dei tanti, nel “nuovo mondo” un’azienda non può rinunciare alla cosa più importante: la sua identità
”Questo libro non e’ contro Facebook ma è un invito alle aziende a ripensare al loro marketing digitale, a non affidarsi completamente ai social network per comunicare con i loro clienti. Ed è anche una critica ai ‘super fuffa fanta guru 2.0′ che hanno spinto le aziende a usare solo la strategia dei social network e ad abbandonare la comunicazione con i clienti sui loro siti, facendoli diventare piattaforme obsolete”. Cosi’ Marco Camisani Calzolari, spiega all’ANSA il suo libro. The back home strategy’. “Spesso le aziende non sono messe al corrente di quelli che sono i lati negativi di una strategia fatta solo sui social network”, spiega Camisani Calzolari, che di recente ha sollevato la questione dei falsi follower di Beppe Grillo su Twitter e che anche in questo libro mette in guardia dai ”finti click, Bot e altre bugie su Facebook”, come cita il sottotitolo, dove Bot sta appunto per ‘follower fantasma’, generati automaticamente e non riconducibili a persone umane. Ora un messaggio raggiunge in media solo il 15% di fan e se si vuole esser certi di raggiungere il restante 85%, sponsorizzare i post e’ importante. Un eufemismo per dire che se si vogliono raggiungere i propri destinatari, quelli che ci si e’ conquistati con tempo e fatica e che prima si raggiungevano gratis ora bisogna pagare (si chiamano Promoted post, ndr). E soprattutto pochi sanno che il social – conclude – non ha mai condiviso dati e campi di profilazione di amici, fan e follower con le aziende titolari degli account”.
Autore.
Marco Camisani Calzolari; vive a Londra, si occupa di Internet, come studioso dei fenomeni di comunicazione, come scrittore e come imprenditore.
Ha fondato numerose società in Italia e all’estero sia in area B2B sia B2C.
Ha scritto il Libro “Escape from Facebook – The Back Home Strategy” (www.fugadafacebook.com “Per salvarsi da Facebook, finti click, BOT e altre bugie. Guida alla sopravvivenza per chi pensava che bastassero i social per fare marketing digitale”) e il libro “Impresa 4.0 – Marketing e Comunicazione Digitale a 4 Direzioni” con Franco Giacomazzi, edito da FINANCIAL TIMES e scrive per riviste di settore: Nova – Il Sole 24 Ore, ADV, Pubblicità Italia e altre.
Ha fondato Speakage, azienda che produce in white label le principali piattaforme web come Social Network, WebTV, Social Media,Viral systems e altre, per grandi aziende internazionali.
In Inghilterra ha fondato Digitalground, company che produce startup B2C che hanno sviluppato siti web di successo come Livepetitions.com . Sempre con sede a Londra ha fondato Digital Evaluations, company che valuta la qualità della presenza delle aziende e delle celebrities sui social network.
Dal 2010 è professore a contratto presso l’università IULM, titolare del corso di Comunicazione Aziendale e Linguaggi Digitali all’interno della Facoltà di Comunicazione, relazioni pubbliche e pubblicità.
Sino al 2010 ha insegnato Tecniche di Marketing e Comunicazione digitale all’Università Statale di Milano.
Dal 1994 si occupa di innovazione digitale attraverso pubblicazioni, articoli, conferenze, docenze e soprattutto sul campo attraverso il suo blog e la presenza attiva sui social networks.
In 20 anni di carriera ha realizzato numerosi progetti web B2C: Il primo social network italiano Internetworkcity, la prima moneta virtuale al mondo EnergyBank; il talk show multipiattaforma TV/WEB www.digitalk.tv ha fondato la piattaforma internazionale di raccolta firme livepetitions.com presente in 10 paesi nel mondo, la cui versione italiana www.firmiamo.it e francese www.jesigne.fr sono leader di settore.
E’ membro dell’associazione internazionale Mensa (associazione mondiale di persone dotate di alto Q.I.), di AISM (Associazione Italiana Marketing) e di IWA (International Web Association) e del comitato scientifico dell’Associazione Nord-Est Digitale.
E’ membro del Comitato per l’Innovazione del Turismo istituito dal Ministero.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con i tuoi amici!