L’entità della patologia, la sua presa in carico e la sua gestione, dalla fase altamente critica a quella riabilitativa e di follow-up, dalle strutture sanitarie ospedaliere alla gestione domiciliare. L’occasione per un confronto tra esperti e istituzioni sulla necessità di un approccio integrato, multidisciplinare e sistemico dei servizi e degli operatori sanitari dedicati che la Regione Lombardia mette a disposizione dei cittadini per garantire l’eccellenza nella diagnosi immediata e nella cura di questo evento cardiaco acuto che rappresenta ancora la prima causa di morte nel mondo occidentale.

Per la sindrome coronarica acuta non esiste infatti una pillola “magica” ma c’è bisogno di un lungo e complesso percorso clinico che parte già con il primo intervento del 118/112, prosegue in pronto soccorso, con il successivo ricovero e la riabilitazione post-evento per proseguire quindi con il follow-up del paziente gestito dal medico di medicina generale.

Per descrivere e discutere l’approccio clinico in atto in Lombardia per il trattamento di questi pazienti, Motore Sanità con il patrocinio della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, di GISE, di Regione Lombardia e con il contributo incondizionato di Sanofi e IT-MeD, ha organizzato il convegno “Gestione Clinica della Sindrome Coronarica Acuta in Regione Lombardia.” (martedì 7 maggio – Palazzo Pirelli – Sala Pirelli – Via Fabio Filzi, 22 – Milano).


Per ulteriori informazioni e materiale stampa, visitate il nostro sito internet www.motoresanita.it