La babele dell’Unione spesso ci ulcera, con le sue cacofonie di suoni e di sensi. E passi quand’è solo un problema d’assonanze e di sinonimi. Quando però diventa politica e sostanziale, con Paesi che dicono e fanno ciascuno a modo proprio, allora vengono al pettine i nodi d’un’integrazione ancora imperfetta.
Riservato ai traduttori under 18, il concorso ‘Juvenes Translatores’, giunto alla settima edizione, non ha l’ambizione di raddrizzare le storture di fondo dei meccanismi comunitari, ma vuole aiutare gli europei di domani almeno a capirsi meglio, perché la conoscenza delle lingue è il primo passo per essere “uniti nella diversità”.
Con questo spirito, la Commissione europea ripropone la sua iniziativa: giorno clou il 28 novembre, quando studenti delle scuole superiori di tutta l’Ue si sfideranno nella traduzione di testi inerenti l’Anno europeo dei cittadini.
Il concorso, che Viola De Sando ha presentato su EurActiv.it, vuole promuovere l’apprendimento delle lingue straniere attraverso una competizione aperta a tutte le scuole superiori dell’Unione: obiettivo, favorire il dialogo interculturale tra i giovani europei.
L’edizione 2013 si rivolge a tutti gli studenti nati nel 1996 che si cimenteranno su un testo dedicato alla cittadinanza europea ed ai diritti e benefici ad essa collegati. Le scuole interessate a partecipare dovranno iscriversi entro il  20 ottobre. Saranno selezionate  oltre 760 istituti, ciascuna delle quali potrà competere con alunni (da 2 a 5) di qualsiasi nazionalità.
Il  28 novembre  si farà la prova, in contemporanea in tutte le scuole europee ammesse: ogni studente potrà scegliere il testo da tradurre tra le 24 lingue ufficiali dell’Ue verso una delle 23 rimanenti. Le combinazioni possibili sono 552, con la presenza per la prima volta della lingua croata.
Le traduzioni saranno corrette da traduttori della Commissione europea che sceglieranno la migliore per ciascuno Stato membro. I vincitori saranno invitati alla cerimonia di premiazione l’8 aprile 2014  a Bruxelles.

Articolo precedenteImmagini che parlano. Due percorsi in antitesi
Articolo successivoSchermi, finestre, cornici: l’esperienza mediale nel tempo digitale
È attualmente consigliere per la comunicazione dell’Istituto Affari Internazionali; collabora con vari media (periodici, quotidiani, radio, tv) e con l’Unione europea; gestisce il sito GpNewsUsa2016.eu; tiene corsi in Università e scuole di giornalismo. Inizia l’attività giornalistica a “La Provincia Pavese” nel 1972. Dal 1976 al ’79 è alla “Gazzetta del Popolo” di Torino, per la quale nel 1979 apre l’ufficio di corrispondenza a Bruxelles. Nel 1980 passa all’Ufficio dell’Ansa di Bruxelles di cui diventa responsabile nel 1984. Segue per dieci anni la Cee e la Nato. Nel 1989 è a Roma: caporedattore Esteri, caporedattore centrale Esteri, vide-direttore. Nel 1992 è tra i fondatori dello European Press Club, di cui è tuttora segretario generale. Nel 1999 va a guidare l’ufficio Ansa di Parigi e nel 2000 diviene responsabile dell’ufficio di Washington e del Nord America. Dal dicembre 2006 al giugno 2009 dirige l’Ansa. Dopo è successivamente direttore de l'AgenceEurope, di EurActiv.it e vice-direttore de La Presse.