I social media sono entrati ormai appieno nelle nostre vite tanto da assumere un ruolo sempre più rilevante per l’intrattenimento, le comunicazioni e le interazioni delle persone che trascorrono più tempo sui social che davanti alla televisione e le piattaforme si attrezzano per offrire tutto. A indicarlo è la nuova indagine di GlobalWebIndex condotto in tutto il mondo su 350.000 utenti di età compresa tra i 16 e i 64 anni, secondo cui i consumatori passano sulle piattaforme social 20 minuti in più al giorno rispetto alla televisione “live”. Per la Generazione Z, cioè i giovanissimi, nati dalla seconda metà degli anni ’90 in poi,  il divario si allarga a 1 ora e mezza. Secondo l’indagine il 54% degli utenti fuori dalla Cina, paese in cui ci sono restrizioni al web e social media, hanno guardato un video su Facebook, Twitter, Snapchat o Instagram nel mese scorso. Queste differenze diventano ancora più pronunciate tra i giovanissimi, che hanno il doppio delle probabilità di usare i social quotidianamente rispetto alla tv. “Sebbene la natura dell’impegno sui social media differisca dal tipo di visualizzazione e coinvolgimento della tv, sempre più utenti di Internet dedicano più momenti della loro giornata ai social media – si legge nel rapporto -. E più i video decollano più le piattaforme social coglieranno l’opportunità di muoversi nel mondo della tv”.  E chiari segnali in questa direzione ci sono da tempo. Su Instagram partirà a breve una sezione per i video professionali che potranno durare fino a un’ora, mentre Facebook starebbe collaborando con diversi network televisivi per produrre notiziari originali, telegiornali da diffondere sulla sua piattaforma Watch al momento attiva solo negli Stati Uniti.

GlobalWebIndex

Articolo precedenteCesta (CNR) il punto su IA: la singularity non mi appassiona
Articolo successivoLa conceria italiana domani a Milano inaugura lo Spazio Lineapelle
Sara Aquilani
Ha conseguito la laurea in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi della Tuscia e si è specializzata in Editoria e Giornalismo presso l'Università LUMSA di Roma. Attualmente lavora per TuttiMedia/Media Duemila.