Matt Brittin, Presidente di Google EMEA ha condiviso gli annunci che ha più apprezzato dell’I/O, evento più importante dell’anno per il motore di ricerca:

✏️ Introduzione di Ask Photos

Ask Photos aiuta a cercare i vostri ricordi in modo più semplice. Per esempio sarà facile mettere insieme i momenti più importanti della crescita di un bambino con semplici domande del tipo: “Quando ha imparato a nuotare?”.

“Gemini va oltre la semplice ricerca, riconoscendo i diversi contesti, dalle vasche in piscina allo snorkeling in mare – precisa Brittin su LinkedIn – e Photos raccoglie il tutto in un riepilogo”.

Trovare e-mail

Gemini è ora in grado d riassumere tutte le e-mail recenti di un mittente specifico. Ad esempio, se emerge la necessità di raccogliere tutte le e-mail di un capo o di un collega su un progetto, con Gemini in Workspace sarà facile identificare quelle pertinenti, compresi gli allegati come i PDF, e avere  un riepilogo dei punti chiave e delle cose da fare.

Nuova esperienze con Gemini intelligenti

L’interazione con Gemini diventa più colloquiale e intuitiva e permette di avere una conversazione vocale approfondita.

️Generazione di video con Veo

“Dedicato ai creativi, questo è il nostro modello di generazione video più capace – spiega Brittin -. Grazie a una comprensione avanzata del linguaggio naturale e della semantica visiva, genera video che rappresentano fedelmente la visione creativa dell’utente, catturando con precisione il tono di un messaggio e rendendo i dettagli dei messaggi più lunghi. Comprende anche termini cinematografici come timelapse o riprese aeree di un paesaggio, per produrre filmati coerenti e omogenei”.

Gemini 1.5 Flash

“Abbiamo introdotto il modello più recente e veloce della famiglia Gemini – scrive Brittin-. È ottimizzato per le attività in cui la bassa latenza e il costo sono più importanti. Con Gemini 1.5 abbiamo creato la finestra di contesto più lunga di qualsiasi altro modello di fondazione su larga scala. Le finestre di contesto sono importanti perché aiutano i modelli di intelligenza artificiale a richiamare le informazioni durante una sessione: più lunga è la finestra di contesto, maggiore è la quantità di testo, immagini, audio, codice o video che il modello può assimilare ed elaborare. Siamo passati da un modello in grado di elaborare 32.000 token in una sola volta a una versione in grado di elaborare 1 milione di token (e ora 2 milioni di token per 1,5 Pro!)”.

per leggere di più: I/O nel blog

La versione originale del testo su LinkedIn Post by Matt

Articolo precedenteAdnkronos lancia Eurofocus, nuovo format multicanale sull’Europa e dall’Europa
Articolo successivoMediterraneo digitale: TuttiMedia alla 18^ Plenaria dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo (APM)
Maria Pia Rossignaud
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. II presidente Sergio Mattarella la ha insignita dell'onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Insignita dal presidente Mattarella dell'onorificenza di "Cavaliere al Merito della repubblica Italiana. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista Mobile Century e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.