Google ha lanciato l’Ads Safety Report, un rapporto annuale che riassume le azioni intraprese lo scorso anno per combattere gli annunci fraudolenti sulla  piattaforma.

@Rosella Serra che ringrazio,  lo ha portato alla mia attenzione ed io lo condivido perché “il 2023 ha segnato un enorme cambiamento tecnologico con l’introduzione di strumenti di intelligenza artificiale generativa ampiamente disponibili che ci hanno permesso di fare un grande passo avanti nei nostri sforzi di applicazione delle norme – si legge nel comunicato Google -. I nostri team stanno adottando questa tecnologia trasformativa, in particolare i Large Language Models, per rivoluzionare il modo in cui manteniamo la sicurezza delle persone online”.

Cosa  ha fatto Google nel 2023?

  • HA bloccato o rimosso oltre 5,5 miliardi di annunci che violano le norme del motore di ricerca: più di 9.000 annunci al minuto.
  • Ha sospeso più di 12,7 milioni di account di inserzionisti per gravi violazioni delle norme, quasi il doppio del 2022.
  •  L’anno scorso ha rimosso gli annunci da oltre 2,1 miliardi di pagine.
  • Ha aggiunto o aggiornato 31 norme sia per gli inserzionisti che per gli editori.

Per approfondire leggete qui i dettagli su come Google mantiene sicuro l’ecosistema pubblicitario per inserzionisti, editori e utenti.

Articolo precedenteMiriam D’Arrigo (DG CONNECT): “L’AI Act EU difende i diritti fondamentali”
Articolo successivoAlessandra de Marco (Editoria): “Come comunicare l’emergenza”
Maria Pia Rossignaud
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. II presidente Sergio Mattarella la ha insignita dell'onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Insignita dal presidente Mattarella dell'onorificenza di "Cavaliere al Merito della repubblica Italiana. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista Mobile Century e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.