Il primo mio contatto con Giovanni Giovannini fu telefonico: era il 1983, non c’erano né whatsapp, né gli sms, né le mail; e Internet era un abbozzo di rete su cui si stava lavorando, ma pochi ne erano al corrente. Lui, presidente della Fieg e dell’ANSA, l’editore degli editori e il mio editore, mi chiamò – io, che ero l’ultimo arrivato – nell’Ufficio di corrispondenza dell’ANSA di Bruxelles e mi chiese di collaborare a una sua rivista prossima ventura, Media Duemila, che – mi spiegò – voleva raccontare il Mondo come sarebbe stato fra vent’anni, sull’orizzonte del Terzo Millennio.

La telefonata di Giovannini non mi colse di sorpresa: l’aveva preceduta una chiamata del direttore dell’ANSA, Sergio Lepri, che mi aveva prospettato quella collaborazione e mi aveva preventivamente autorizzato ad accettarla – per collaborare con altre testate, i giornalisti dell’ANSA avevano bisogno del suo ‘nulla osta’ -.

Giovannini e Lepri sono stati e rimangono un forte riferimento nel mio percorso professionale: toscani entrambi, quasi coetanei – Giovannini avrebbe ora compiuto cent’anni, Lepri li ha compiuti l’anno scorso -, entrambi dotati di doti che sono bagaglio indispensabile di ogni giornalista: l’integrità morale, l’onestà intellettuale, la curiosità.

Per oltre un quarto di secolo, dopo quella telefonata, Giovannini mi è stato presidente e direttore, ma soprattutto mentore e amico: mi ha spronato, con le sue richieste per Media Duemila, a esplorare territori dell’informazione che sarebbero altrimenti rimasti a me ignoti; mi ha spinto a occuparmi, nonostante la mia riluttanza, di cose che non ero neppure sicuro di capire; e mi ha reso partecipe d’un’avventura giornalistica ed editoriale – quella di Media Duemila – che è sicuramente andata oltre le sue attese iniziali e che gli è sopravvissuta.

Il futuro che Giovannini situava sull’orizzonte Duemila è arrivato più in fretta del previsto; e altri futuri sono successivamente arrivati e si sono rapidamente consumati e rinnovati, perché il ritmo d’avanzamento e d’obsolescenza delle tecnologie non è mai stato così rapido nella storia dell’umanità e ‘il progresso’ deve ancora trovare un momento di decantazione. Non era mai successo – e neppure Giovannini lo aveva previsto – che un ventenne ne sapesse tecnologicamente più del nonno e del padre; e questo non una sola volta, ma per almeno tre generazioni successive, dai Nativi Digitali in poi.

Ma un ventenne non esplora il futuro: crede, giustamente, di esserlo, salvo magari scoprirsi, appena vent’anni dopo, tecnologicamente obsoleto. Giovannini lo fece con tenacia, passione, curiosità; e seppe insegnare a farlo, trasmetterne l’urgenza, a quanti gli si trovarono accanto nell’avventura, che ancora continua, di Media Duemila.

 

Articolo precedenteBlockchain frontiera della prossima trasformazione digitale
Articolo successivoEditoria: Riffeser (Fieg) più risorse per l’editoria giornalistica per l’emergenza Covid
È attualmente consigliere per la comunicazione dell’Istituto Affari Internazionali; collabora con vari media (periodici, quotidiani, radio, tv) e con l’Unione europea; gestisce il sito GpNewsUsa2016.eu; tiene corsi in Università e scuole di giornalismo. Inizia l’attività giornalistica a “La Provincia Pavese” nel 1972. Dal 1976 al ’79 è alla “Gazzetta del Popolo” di Torino, per la quale nel 1979 apre l’ufficio di corrispondenza a Bruxelles. Nel 1980 passa all’Ufficio dell’Ansa di Bruxelles di cui diventa responsabile nel 1984. Segue per dieci anni la Cee e la Nato. Nel 1989 è a Roma: caporedattore Esteri, caporedattore centrale Esteri, vide-direttore. Nel 1992 è tra i fondatori dello European Press Club, di cui è tuttora segretario generale. Nel 1999 va a guidare l’ufficio Ansa di Parigi e nel 2000 diviene responsabile dell’ufficio di Washington e del Nord America. Dal dicembre 2006 al giugno 2009 dirige l’Ansa. Dopo è successivamente direttore de l'AgenceEurope, di EurActiv.it e vice-direttore de La Presse.