Maria Eleonora Lucchin (Mediaset), Vicepresidente Comitato Media e Minori (leggi intervento integrale) sottolinea che l’impegno di tutela per i minori non è mai stato disatteso dal mondo televisivo che rappresenta. Il codice di autoregolamentazione  è stato aggiornato nel 2019  e consegnata dalle autorità competenti. Ora è in attesa di essere approvato definitivamente. “Il codice cambia per seguire i tempi – precisa Maria Eleanora Lucchin – abbiamo bisogno di strumenti adeguati al cambiamento dei consumi”. Nel nuovo codice  molte le novità. “La Tv  tradizionale  in questo periodo ha dimostrato di essere un ambiente sicuro rispetto ad altri sistemi che sono insidiosi. Il punto sono le regole che  in sistemi con confini ampi e frastagliati non bastano. Servono  responsabilità sociale  e l’educazione civica al digitale”.

Di Tutela – consumo responsabile e critico dei media hanno  parlato  Giacomo Lasorella, presidente Agcom,   Valeria Fedeli Commissione Parlamentare per l’indirizzo generale e la Vigilanza dei servizi Radiotelevisivi, Giancarlo Leone Presidente APA, Maaria Elita Lucchin vicepresidente Comitato Media e Minori, Marcello Ciannamea (RAI), Sandra Cioffi, presidente Consiglio Nazionale Utenti, coordinati da Mihaela Gavrila.

La  necessità di una formazione generale che coinvolga giovani e adulti è emersa chiaramente  “perché il mondo è cambiato e non basta la scuola per sostenere la consapevolezza dei pericoli del mondo digitale”, sostiene Valeria Fedeli che punta ad una nuova forza  educativa che deve comprendere i genitori e all’alleanza fra i media,  anche se la Rai resta decisiva per l’alfabetizzazione digitale, soprattutto degli adulti. L’ex ministra all’Istruzione vede una frattura pericolosa per i giovani che a scuola imparano alcune pratiche comportamentali e che poi a casa vengono lasciati soli per ore davanti a schermi di ogni tipo. Problemi, questi, da sistema  paese perché educare all’equilibrio è difficile sopratutto oggi che il concetto di media deve essere allargato e deve comprendere anche i social così come dice la direttiva 1808 del 2018 che è in fase di recepimento.

Le parole chiave di questo dibattito sono: alfabetizzazione, sensibilizzazione,  etica. Giancarlo leone, presidente APA ha colto l’occasione per ribadire la necessità della riforma Rai sottolineando  che sarebbe utile prevedere  consiglieri scelti non dai politici.

In sintesi l’invito dei relatori è la costituzione di un’alleanza civica dove è possibile un coordinamento di tutte le risorse esistenti. Anche  la carta di Treviso  va rivista e aggiornata per Sandra Cioffi, presidente Consiglio Nazionale Utenti : “perché ormai superata”.

 

Articolo precedenteSiddi: l’attività delle piattaforme tra DSA e direttiva SMAV. La frontiera di una nuova regolazione?
Articolo successivoLorenzo Sassoli De Bianchi confermato alla presidenza UPA per il triennio 2021-2023
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media , e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovanni storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono alle stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell Il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina pass all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente Universitaria alla Sapienza e alla LUISS.