Hotel Insights (Google): “Fatti trovare pronto quando nuovi turisti ti cercheranno”.

Un’evidente necessità che Google trasforma in uno strumento di lavoro adatto per tutti gli albergatori. Hotel Insights è la piattaforma presentata oggi (25 gennaio) attraverso la quale “Google si impegna a sostenere la ripresa economica italiana” parole di Fabio Vaccarono Vice President, Managing Director Google Italia.

Attenzione: Hotel Insights non è solo una piattaforma ma anche un modello di formazione, infatti, i professionisti del settore avranno un programma di formazione dedicato. Il programma comprende i “Google Digital Training”, corsi online che saranno fruibili direttamente dai siti di Confindustria Alberghi, Federalberghi, Federturismo Confindustria per tutti i loro associati.

Con Hotel Insight la ripartenza del settore turistico sembra più vicina e la formazione gratuita erogata sembra essere il punto di forza della nuova piattaforma perché le competenze digitali sono diventate ancor più necessarie per superare la sfida del presente e “la tecnologia può aiutarci ad uscire dalla crisi e a ritrovare per l’Italia un futuro all’altezza del proprio grande passato” conclude cosi il suo intervento Fabio Vaccarono.

A Vincenzo Riili Direttore marketing Google Italia il compito di  illustrare attività e strumenti della nuova piattaforma per il turismo: “Per quanto riguarda i percorsi di formazione offriremo un programma educativo totalmente gratuito che si adatta alle esigenze individuali – spiega -. Vorremmo formare gratuitamente almeno 30000 persone tra imprenditori, dipendenti, collaboratori e tirocinanti sulle competenze digitali di base ma anche sull’uso di strumenti essenziali per superare la difficile situazione.  Per rendere sempre più semplici fruizione e aggiornamenti relativi alla formazione gratuita abbiamo creato la piattaforma Italia Digitale, un vero e proprio archivio gratuito per professionisti e imprese”.

Per Giorgia Abeltino  Director Government Affairs & Public Policy Google South Europe, che ha coordinato il dibattito, il digitale può aiutare il settore turistico in tre modi. Prima di tutto è utile a superare questo momento di difficoltà, secondo è in grado di fornire alle piccole e medie imprese turistiche quelle competenze digitali che permetteranno loro di essere più solidamente pronte nel momento della ripresa e terzo, il digitale può aiutare le imprese  turistiche ad analizzare le richieste dei possibili turisti.

L’uso competente dei dati è il futuro del nostro turismo a ribadirlo è anche  Lorenza Bonaccorsi, sottosegretaria al Turismo del Mibact: “La tecnologia gioca un ruolo centrale nel migliorare la vita dei turisti ma anche dei residenti, i dati diventano strumento per un utilizzo più attento e responsabile delle risorse. Così il turismo – grazie alla tecnologia digitale – diviene sempre più maturo e sostenibile”.

La nuova era è cominciata anche per noi in Italia? Spero di sì, perché per tutte le persone che lavorano nel turismo è il momento del Restart. Alessandra Priante, direttore del Dipartimento regionale Europa di Unwto  sottolinea: “Sono molto orgogliosa del lancio mondiale del nuovissimo tool di Google Hotel Insights perché avviene proprio dall’Italia, scelta anche dallo Unwto l’anno scorso come primo paese per lanciare la campagna di #RestartTourism globale. Google e Unwto collaborano in maniera molto stretta e organica su una vasta serie di attività, specialmente la formazione e l’area delle ricerche e dei dati”.

A conclusione Giorgio Palmucci, presidente di Enit ha affermato che “l’analisi dei dati è il futuro per sviluppare strategie mirate e performanti che non disperdano lavoro, investimenti, produttività e valore”.

Via al Restart con Hotel Insights che come dice la parola significa  la capacità di acquisire una comprensione accurata e profonda di qualcuno o qualcosa.Hotel Insights (Google)

Articolo precedenteTentacle Magazine: orientarsi nell’oceano digitale
Articolo successivoAccordo tra Promopress e Data Stampa per la remunerazione degli articoli di giornali nelle rassegne stampa: raggiunto il 90% del mercato
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.