Lettera aperta di Paolo Lutteri – 13 aprile 2023

Caro Franco, amico mio,

partiamo da un’affermazione ovvia, ma trascurata: non ci sono risposte facili per un problema difficile. Con il crescendo di complessità del mondo può darsi che il cervello umano, o la sua coscienza, non arrivi a trovare soluzioni globali per uno sviluppo sostenibile planetario.

Troppe variabili in gioco, troppe ambizioni, troppi retroscena, troppo intrighi, troppe distanze di pensieri. Lacci e lacciuoli ci strangoleranno prima di riuscire a sciogliere i nodi della sopravvivenza. Eppure queste sensazioni non sono solo moderne; già nell’antichità (pensate alle storie bibliche, alle catastrofi primitive o all’epica antica) il senso di pessimismo individuale o cosmico era molto diffuso, quasi un genere letterario. Ma il pessimismo esistenziale è uno stato psicologico di depressione incipiente o è il risultato di un ragionamento concreto?

Mentre pensiamo al dilemma, oggi non possiamo rinunciare agli obiettivi dell’intelligenza con ottimismo. E abbiamo un alleato nella tecnologia. Mai nella nostra storia precedente abbiamo avuto la possibilità di scoprire le leggi dei fenomeni, di comunicare senza limiti, di gestire una enorme quantità di dati e di fare velocemente calcoli complicati. Inutile qui fare la lista degli esempi con i risultati di successo della ricerca informatica. Se applichiamo algoritmi intelligenti alla mole dei dati, abbiamo esiti clamorosi. Non sarà poi così intelligente il computer, ma ci assemblerà dati e testi, incrociando serie storiche e previsioni, e se abbiamo programmato bene ci fornirà soluzioni logiche, visioni probabilistiche e priorità di interventi. I computer e i robot non hanno via libera a 360°, la strada e i semafori glieli dobbiamo dare noi. Intanto dovremo risolvere i problemi dei diritti e dei doveri, della privacy e del copyright, importanti perché confinano con i valori democratici universali, che vogliamo condividere.

Peraltro in questi secoli abbiamo anche allevato due nemici in casa: l’apparato burocratico e i governanti autocrati. La burocrazia è una forma di salvaguardia della democrazia, ma se l’apparato e le governances prevalgono sulle idee e sulle azioni, restiamo indietro col progresso. E questi sono i lacci che ci strangoleranno.

In altre parole: la tecnologia ci può aiutare se i cavilli burocratici e gli individualismi settari non ci mettono i bastoni fra le ruote. La perfezione è irraggiungibile ma il miglioramento è possibile.

Percorso difficile, ma dobbiamo farlo, soprattutto noi che ci occupiamo di comunicazione e di educazione. Unendo forze più che possibile. Non si può rimanere come l’asin bigio di Giosuè Carducci, che rosicchiava il cardo senza scomodarsi.

Dai Franco, che abbiamo da fare! Un abbraccio

Paolo

Articolo precedenteRegolamentare con divieti: #ChatGPT #Authority
Articolo successivoUcraina: fronte è fermo, intelligence e diplomazia fanno danni
Paolo Lutteri
Paolo Lutteri, di Milano, si occupa di comunicazione e marketing dal 1976. Laureato in Scienze Politiche all’Università di Milano e Diplomato all’Istituto Universitario di Lingue di Pechino. Giornalista pubblicista, iscritto all’Ordine dei Giornalisti e all’Unione Giornalisti Italiani Scientifici. Ha lavorato con il quotidiano Il Giorno, con le società Spe, Sport Comunicazione e Alfa Romeo; con il Gruppo Rai dal 1989 si è occupato di marketing, sport, nuovi media e relazioni internazionali. Ha tenuto corsi presso le Università degli Studi di Milano e Bicocca, le Università di Roma Sapienza e Tor Vergata. Attualmente studia e scrive articoli sull’innovazione culturale e tecnologica, fa parte del Comitato di Direzione della rivista Media Duemila, è socio onorario dell’Osservatorio TuttiMedia, membro d’onore dell’EGTA-Associazione Europea Concessionarie tv e radio, membro del Consiglio direttivo dell’Associazione Eurovisioni, socio e direttore del Centro Documentazione e Formazione della Fondazione Salvetti. e-mail: paolo.lutteri@libero.it