Impressionante provate Imagen 

la nuova intelligenza Artificiale di Google che trasforma i testi in immagini in tempo reale. Paolo Benanti spiega nel suo blog che Imagen è la risposta di Google a DALL-E di OpenAI.

L’articolo completo si può leggere nel suo blog. Intanto per Paolo Benanti Imagen di Google, sistema di intelligenza artificiale che trasforma le descrizioni di parole in immagini fotorealistiche, a differenza dei competitor non è stato reso disponibile al pubblico. 

Imagen produce disegni, dipinti a olio, rendering in CGI e altro ancora sulla base di  richieste scritte degli utenti. Guardando gli esempi sul sito di Imagen non si può che dire Uhahooo!

Nel sito CreativeBloq  si legge che John Lennon sarebbe orgoglioso di Imagen che è anche più impressionante di DALL·E 2 e che” i generatori di immagini AI sono qui per restare”.

Si apre un nuova era per esempio per Photoshop? Chi avrà bisogno di scaricarlo se Google può creare qualsiasi immagine che ti piace?

Google definisce Imagen “un modello di diffusione da testo a immagine con un grado di fotorealismo senza precedenti”. E per capire di cosa si tratta veramente bisogna ricorrere alle immagini create dai testi e quindi andare sul sito di Imagen.

Articolo precedentePortiere24: arriva il portiere virtuale per tutti
Articolo successivoDIG social che crea interazione sociale dall’ascolto della musica
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media, e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. Fa parte del gruppo di esperti CNU Agcom. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovannini storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono allo stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. La sua ultima pubblicazione: Oltre Orwell il gemello digitale anima la discussione culturale sul doppio digitale che dalla macchina passa all'uomo. Già responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. Per Ars Electronica (uno dei premi più prestigiosi nel campo dell'arte digitale) ha scritto nel catalogo "POSTCITY". Già docente universitaria alla Sapienza e alla LUISS.