Il suicidio di una ragazzina di 14 anni, angariata sul web e incitata a uccidersi, è una notizia che dà drammatica attualità alla giornata dell’internet sicuro per l’infanzia celebrata martedì 11 febbraio. La vicenda di Cittadella è esplosa sui media proprio quel giorno: l’adolescente s’è lanciata nel vuoto domenica scorsa, dal tetto di un albergo abbandonato. I genitori, messi in allarme da un biglietto alla nonna, l’hanno trovata già senza vita.
La rete aveva esasperato i patimenti della sua età, anziché lenirli. Lasciata dal fidanzatino e turbata da messaggi del tipo “Fai schifo come persona”, la ragazzina non ha più saputo porre freno agli impulsi autolesionistici –s’era già tagliata le vene dei polsi-. E l’ha fatta davvero finita.
Sotto accusa, il social network ‘Ask.fm’, cui la teenager era iscritta: un sito al centro di polemiche anche in Inghilterra per un suicidio analogo, su cui coetanei o presunti tali si facevano gioco del mal di vivere dell’adolescente, la spingevano oltre. “E’ meglio se mi suicido?”, chiedeva lei. E c’era chi la incitava a farlo, a suon di odio, insulti, disprezzo.
Quello dei ragazzini che si tolgono la vita, per conflitti familiari, mancanza di accudimento, sofferenze legate alla propria omosessualità, è un fenomeno in espansione. Un’indagine del Servizio prevenzione suicidio dell’Ospedale S.Andrea di Roma – Università La Sapienza indica che dal 1971 al 2008 ci sono stati in Italia 374 i suicidi di ‘under 14’, con qualche caso sotto i dieci anni. La rete, è chiaro, non è all’origine dei problemi, ma alcuni siti e alcuni ‘social media’, invece di contrastare il disagio, vi si accaniscono.
L’Italia è uno dei cento Paesi a celebrare da dieci anni la giornata dell’internet sicuro per l’infanzia –per la prima volta, quest’anno vi hanno aderito gli Stati Uniti-, nel segno dell’interrogativo: “Internet a misura di bambino: utopia oppure obiettivo concreto?”. Sostenuta dalla commissaria Ue per l’Agenda digitale Neelie Kroes, l’iniziativa è condivisa da tutti i 28 Paesi dell’Unione.
Il coinvolgimento statunitense e l’impegno di una trentina di colossi di Internet (la cosiddetta “CEO Coalition”), come Google, Apple, Telecom Italia e molte altre aziende, a intercettare ed eliminare i contenuti pericolosi, rappresenta un passo avanti.
In Italia, il Centro per l’Internet sicuro, chiamato “Generazioni connesse”, esiste dal novembre 2012: è coordinato dal ministero dell’Istruzione e ne fanno parte Save the Children, Telefono Azzurro, il Garante per i diritti per l’Infanzia, in collaborazione con la cooperativa sociale EDI e con il Movimento Difesa del Cittadino.
“Le ‘tagliole’ per ragazzi e adolescenti che frequentano i ‘social network’ sono dietro l’angolo –scrive su EurActiv.it Alessandra Flora-, come emerge dall’ultima preoccupante indagine” del centro di ricerca Ipsos per Save the Children, realizzata in occasione della giornata 2014. “Un tempo erano la strada o i mezzi pubblici i luoghi ove s’annidavano i pericoli maggiori per bambini e adolescenti, dovuti al contatto con lo sconosciuto”. Ora, l’insidia li raggiunge in casa, al computer …. Progetti come il sito “Generazioni connesse”, rivolto a genitori ed educatori e ai ragazzi stessi, ma anche iniziative di sensibilizzazione nelle scuole, provano ad offrire una risposta.

Articolo precedenteCarta, Editoria, Stampa. Nova: “Spingere i consumi culturali italiani”
Articolo successivoCrisi ed Editoria. Gianni Di Giovanni (Agi): “Necessari i raggruppamenti temporanei di agenzie”
È attualmente consigliere per la comunicazione dell’Istituto Affari Internazionali; collabora con vari media (periodici, quotidiani, radio, tv) e con l’Unione europea; gestisce il sito GpNewsUsa2016.eu; tiene corsi in Università e scuole di giornalismo. Inizia l’attività giornalistica a “La Provincia Pavese” nel 1972. Dal 1976 al ’79 è alla “Gazzetta del Popolo” di Torino, per la quale nel 1979 apre l’ufficio di corrispondenza a Bruxelles. Nel 1980 passa all’Ufficio dell’Ansa di Bruxelles di cui diventa responsabile nel 1984. Segue per dieci anni la Cee e la Nato. Nel 1989 è a Roma: caporedattore Esteri, caporedattore centrale Esteri, vide-direttore. Nel 1992 è tra i fondatori dello European Press Club, di cui è tuttora segretario generale. Nel 1999 va a guidare l’ufficio Ansa di Parigi e nel 2000 diviene responsabile dell’ufficio di Washington e del Nord America. Dal dicembre 2006 al giugno 2009 dirige l’Ansa. Dopo è successivamente direttore de l'AgenceEurope, di EurActiv.it e vice-direttore de La Presse.