Convegno internazionale su Felicità Regionale e cultura ambientale promossa da TuttiMedia e MediaDuemila

Salviamo il Sarno è il progetto che simbolicamente rappresenta l’idea di Felicità Urbana promossa dal professor de Kerckhove, guru internazionale del mondo della cultura digitale direttore scientifico dell’Osservatorio TuttiMedia e della rivista MediaDuemila, che questa volta si è cimentato nell’applicare concretamente le nuove tecnologie per far riviere alcuni territori bagnati da Sarno.  “Felicità urbana significa riappropriarsi di questo fiume, della sua foce del suo delta affinché i cittadini posano riappropriarsene” afferma de Kerckhove aprendo la maratona di due giorni che ha coinvolto i liceali di Sarno, Torre Annunziata e Scafati.

Il progetto è arrivato anche sul tavolo del ministro Costa che nella lettera inviata alla comunità di giovani impegnati nel progetto di “Felicità Urbana: Salviamo il Sarno”  si è detto rammaricato di non aver potuto partecipare al convegno. “Cari ragazzi ho posto  il risanamento del fiume Sarno tra le priorità del mio mandato da ministro dell’Ambiente – scrive Maurizio Costa nel messaggio – una questione che porto nel cuore come porto nel cuore questo territorio che mi ha visto impegnato anche come generale dei carabinieri nella lotta agli illeciti ambientali”.

A sottolineare la difficolta di un territorio collegato al male atavico di questi luoghi è stata anche  Renata Polverini ( sindacalista ex presidente Regione Lazio) che ha ricordato di aver posto in Commissione ecomafie il fiume Sarno  quale simbolo dell’ emergenza criminalità.

E Derrick de Kerckhove ha voluto battezzare con queste acque il concetto di Felicità Urbana che significa soprattutto che i cittadini siano protagonisti nella gestione dei luoghi riconquistati, governando con i politici in simbiosi costruttiva e con l’ausilio delle moderne tecnologie dell’informazione. I vecchi ponti infatti rivivono con i Qrcode che rimandano a siti virtuali creati dai giovani liceali del territorio. Un movimento locale e globale simbolo concreto di un possibile neorinascimento.

Argomento che il ministro Costa condivide nel messaggio sollecitando l’intervento dei giovani “in questo percorso di rinascita ambientale non facile ma efficace. “Con la cultura ed il rispetto dell’ambiente  riusciremo a invertire la tendenza”  le parole del ministro fanno eco al lavoro di de Kerckhove che è riuscito ad accendere la miccia del fuoco culturale.

Articolo precedenteIo protagonista del video porno!
Articolo successivoBookCity: Bene i libri anche se in Italia si legge poco
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media , e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovanni storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono alle stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. Responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. L'ultimo testo: Are you ready for your digital twin. Per Ars electronica (uno dei premi pi+ù prestigiosi nel campo dell'arte digitale ha scritto nel catalogo "POSTCITY".