innovation-performance-2014

Si succedono i Governi, si avvicendano –non sempre e non tutti, a dire il vero- i ministri di ricerca e sviluppo economico, ma l’Italia non scala la classifica degli innovatori della Commissione europea, che valuta i risultati raggiunti dai Paesi dell’Ue in tema di ricerca, sia pura che applicata. L’Italia resta così in testa al terzo gruppo, quello degli ‘innovatori moderati’, posizionandosi al 15° posto, con un punteggio comunque inferiore alla media Ue.
L’analisi di Bruxelles, l’Innovation Union Scoreboard, suddivide i Paesi membri in quattro gruppi. A presentarla, in conferenza stampa, martedì 4 marzo, sono stati i commissari Antonio Tajani (Industria), Johannes Hahn (Affari Regionali) e Maire Gheoghegan-Quinn (Ricerca, Innovazione e Scienza).
Sul gradino più alto ci sono i cosiddetti “leader dell’innovazione”, cioè quei Paesi che hanno performances superiori alla media Ue almeno del 20%. Sono, nell’ordine, Svezia, Danimarca, Finlandia e Germania. Niente di nuovo rispetto all’anno passato.
All’‘inseguimento’ del drappello di ‘fuggitivi’, ci sono gli ‘innovation followers’, che comprendono, nell’ordine: Lussemburgo, Olanda, Belgio, Gran Bretagna, Irlanda, Austria e Francia. La loro prestazione è pari o superiore alla media europea al massimo del 20%. Vengono loro associati pure Slovenia, Estonia e Cipro, appena sotto la media
Il terzo gruppo, quello guidato dall’Italia, rappresenta gli ‘innovatori moderati’, la cui performance è inferiore alla media Ue, con una percentuale che oscilla tra il 50 e il 90%. Dietro di noi: Repubblica Ceca, Spagna, Portogallo, Grecia, Ungheria, Slovacchia, Malta, Ungheria, Lettonia e Polonia.
Fanalino di coda, gli ‘innovatori modesti’, nell’ordine: Romania, Lituania e Bulgaria.
Rispetto all’anno scorso, nota Alessandra Flora su EurActiv.it, gli sforzi della Polonia sono stati in qualche misura compensati: il Paese si è infatti staccato dal gruppo degli ‘innovatori modesti’ e ha raggiunto, sia pure in ultima posizione, quello dei ‘moderati’.
Quest’anno sono otto le dimensioni analizzate dal rapporto Ue: risorse umane, effetti economici, reti e imprenditoria, sistemi di ricerca, investimenti delle imprese, innovatori e proprietà intellettuale, finanziamenti e supporto. Fra gli handicap dell’Italia, gli scarsi investimenti di venture capital.
A livello regionale, le Regioni italiane più innovative sono Piemonte, Friuli-Venezia Giulia ed Emilia-Romagna. Ma nessuna Regione italiana sta nell’Olimpo dei ‘leader dell’innovazione’, dove si sono ben dieci laender tedeschi e quattro aree ciascuna per Svezia e Danimarca. Le tre migliori italiane sono fra i ‘followers’ –per l’Emilia-Romagna, è una promozione-. Tutte le altre pedalano nel gruppone degli ‘innovatori moderati’.

Articolo precedenteEuropa assente al Ces di Las Vegas e al GSM di Barcellona. Cosa saremo nel 2050?
Articolo successivo“La donna è…”, due giorni dedicati dalla Rai al ruolo della donna
Giornalista, collabora con vari media (periodici, quotidiani, siti, radio, tv), dopo avere lavorato per trent'anni all'ANSA, di cui è stato direttore dal 2006 al 2009. Dirige i corsi e le testate della scuola di giornalismo di Urbino e tiene corsi di giornalismo alla Sapienza.