Una rete meno americana, e più globale, ma non per questo necessariamente più libera. E neppure più sicura. Anzi, per sfoggiare pessimismo, potremmo ritrovarcela ‘con la museruola’ e presidiata come prima da spioni sotto tutte le bandiere. Ma non è proprio detto che finisca così…
Cominciamo dall’inizio. La svolta segnata dall’annuncio fatto dal presidente Obama che gli Usa sono pronti ad abbandonare il ruolo centrale finora tenuto nell’assegnazione dei nomi e dei domini su internet, a favore di una governance globale, è un passo indietro di Washington, che non era mai parsa incline ad accogliere una richiesta in tal senso da tempo avanzata dall’Unione europea; ed è, in linea di principio, un passo avanti per la rete.
La decisione di Obama è pure una reazione alle preoccupazioni suscitate nelle opinioni pubbliche dallo scandalo del Datagate e dalla capacità statunitense di controllare la rete e utilizzarla a fini di sorveglianza e spionaggio. Le dimensioni e la portata delle intercettazioni della Nsa rivelate dalla talpa Edward Snowden lasciano, insomma, il segno. Ma la rinuncia alla governance non comporta, di per sè, una riduzione delle capacità dell’intelligence.
Il 15 marzo, il Dipartimento al Commercio degli Stati Uniti ha diffuso una dichiarazione in cui annuncia che, dal 2015, non intende più avere un ruolo centrale nella gestione dell’Icann, l’agenzia no profit che dal 1998 è il regolatore globale di Internet, responsabile fra l’altro della convalida dei nomi e dei domini. L’argine dei domini s’era già incrinato con l’introduzione di .biz e .info; e dopo ne sono arrivati decine di nuovi. Ora, la giostra dell’accaparramento e delle compravendite ripartirà in direzioni anche politiche, culturali, religiose.
Entro settembre, Washington darà il via a un processo condiviso per creare una struttura di C&C nuova, insieme ad altre realtà globali. La decisione, che apre una fase di transizione, è commentata con favore dall’Icann: “Tutte le parti interessate – dice il presidente Fadi Chehade – meritano d’avere una voce in capitolo paritaria nella gestione e nella governance di questa gestione globale”.
La prima tappa di questa transizione è imminente: la riunione dell’Icann a Singapore dal 23 marzo.
Il consenso non è, però, unanime: hanno riserve componenti importanti dell’universo americano 2.0 e anche esperti della rete, preoccupati perché –scrive sull’ANSA Marcello Campo- “dare più spazio nella regolamentazione del web a Paesi come Russia e Cina potrebbe portare a una minore libertà e ad una maggiore censura a deterimento della libertà d’espressione … E c’è già chi parla del rischio di una balcanizzazione della rete”.
A fronte di questo timore, c’è l’impegno, magari un po’ contraddittorio, del presidente Obama e della sua Amministrazione a garantire che l’Icann sia un ente libero dalle pastoie dei governi e capace di mantenere la rete aperta, accessibile e, nel contempo, sicura e utilizzabile senza remore.
Un’altra perplessità viene espressa da Andrea Monti, esperto di diritto della rete e presidente dell’Alcei, l’Associazione italiana per la libertà delle comunicazioni elettroniche interattive. Intervistato per l’ANSA da Titti Santamato, Monti giudica la notizia nel complesso “positiva”, ma ammonisce: “Il web non diventa più libero, perché la vita degli utenti continua a essere controllata dalle ‘antenne’, cioè dalla rete fisica di trasporto dati”.
Le grandi firme della Silicon Valley paiono favorevoli alla svolta, inevitabile –a loro giudizio- dopo il Datagate: c’è in gioco la credibilità della rete agli occhi del pubblico, un valore non negoziabile e che, se compromesso, potrebbe frenarne lo sviluppo globale. A scapito della libertà d’espressione (e degli affari).
E in Italia? Ancora Monti: “I domini .it sono ancora saldamente in mani governative. L’industria che fa innovazione in Italia è dunque condizionata dalla burocrazia di un ente pubblico, cioè l’Istituto di informatica e telematica del Cnr, che gestisce i domini .it in modo autocratico”. Cambierà qualcosa? Di qui al 2015, forse lo vedremo.

Articolo precedenteBeyond Transmedia
Articolo successivoItalia: 19 studenti per ogni professore, ma si laurea solo il 17% degli iscritti
È attualmente consigliere per la comunicazione dell’Istituto Affari Internazionali; collabora con vari media (periodici, quotidiani, radio, tv) e con l’Unione europea; gestisce il sito GpNewsUsa2016.eu; tiene corsi in Università e scuole di giornalismo. Inizia l’attività giornalistica a “La Provincia Pavese” nel 1972. Dal 1976 al ’79 è alla “Gazzetta del Popolo” di Torino, per la quale nel 1979 apre l’ufficio di corrispondenza a Bruxelles. Nel 1980 passa all’Ufficio dell’Ansa di Bruxelles di cui diventa responsabile nel 1984. Segue per dieci anni la Cee e la Nato. Nel 1989 è a Roma: caporedattore Esteri, caporedattore centrale Esteri, vide-direttore. Nel 1992 è tra i fondatori dello European Press Club, di cui è tuttora segretario generale. Nel 1999 va a guidare l’ufficio Ansa di Parigi e nel 2000 diviene responsabile dell’ufficio di Washington e del Nord America. Dal dicembre 2006 al giugno 2009 dirige l’Ansa. Dopo è successivamente direttore de l'AgenceEurope, di EurActiv.it e vice-direttore de La Presse.