Venti i premi Nobel italiani, molti di questi personaggi (purtroppo per noi) sono residenti all’estero. Venti gli anni dell’associazione TuttiMedia che ha fatto della sua avanguardia culturale un esempio di Cultural Intelligence, e cioè un modo di affrontare il cambiamento con equilibrio.
Italia e Usa festeggiano insieme un traguardo eccezionale, ma a chi andrà il Nobel per questa scoperta?
Era il 1916 quando Einstein anticipava le onde gravitazionali. Cento anni dopo contemporaneamente negli Stati Uniti e in Italia, a Cascina “si apre un nuovo capitolo dell’astronomia” dice il coordinatore della collaborazione scientifica Virgo, Fulvio Ricci.

L’Italia che da ieri festeggia i suoi fisici, ogni volta che abbiamo la possibilità di “investigare” in modo nuovo e diverso abbiamo nuove opportunità di conoscenza, ma già si sussurra che il laboratorio italiano ha potuto contare su meno fondi ed ha sopportato lentezze burocratiche che lo hanno penalizzato. Aspettiamo di sapere se il prossimo Nobel sarà italiano o statunitense?

Articolo precedenteSalvare i media. Capitalismo, crowdfunding e democrazia
Articolo successivoRai Pubblicità offerta commerciale 2016 15/18 febbraio
Giornalista curiosa, la divulgazione scientifica è nel suo DNA. Le tecnologie applicate al mondo dei media , e non solo, sono la sua passione. E' fra i 25 esperti di digitale scelti dalla Rappresentanza Italiana della Commissione Europea. L'innovazione sociale, di pensiero, di metodo e di business il suo campo di ricerca. Direttrice della prima rivista di cultura digitale Media Duemila (fondata nel 1983 da Giovanni Giovanni storico presidente FIEG) anticipa i cambiamenti per aiutare ad evitare i fallimenti, sempre in agguato laddove regna l'ignoranza. Vice Presidente dell’Osservatorio TuttiMedia, associazione culturale creata nel 1996, unica in Europa perché aziende anche in concorrenza siedono alle stesso tavolo per costruire il futuro con equilibrio e senza prevaricazioni. Responsabile corsi di formazione del Digital Lab @fieg, partecipa al GTWN (Global Telecom Women's Network) con articoli sulla rivista e sui libri dell'associazione. L'ultimo testo: Are you ready for your digital twin. Per Ars electronica (uno dei premi pi+ù prestigiosi nel campo dell'arte digitale ha scritto nel catalogo "POSTCITY".