Le problematiche che coinvolgono le nuove generazioni della Sponda Sud del Mediterraneo, come le opportunità di studio, la mobilità professionale, i diritti civili, sono fra i temi della conferenza che l’associazione Rondine Cittadella della Pace in collaborazione con la Provincia Autonoma di Trento promuove venerdì 1o aprile, a partire dalle 9.30, presso la Sala Rosa del Palazzo della Regione. All’iniziativa di pace e a Rondine, cediamo volentieri, questa settimana, questo spazio.
La conferenza – si legge in un comunicato dell’associazione – è focalizzata sulla cooperazione mediterranea e sulle prospettive politiche di un Mare Nostrum più unito e collegato anche di fronte ai cambiamenti odierni che comportano nuove sfide legate alla sicurezza, le migrazioni e la stabilità politica dell’area, senza dimenticare il rafforzarsi della minaccia terroristica internazionale, il cui tema richiede nuovi strumenti di analisi per una forma inedita di guerra.
Alla conferenza, cui interverrà il presidente della provincia Autonoma di Trento, Ugo Rossi, prenderanno parte rappresentanti istituzionali, diplomatici, politici ed esperti di altissimo livello della cooperazione, della cultura e del giornalismo tra cui Pier Ferdinando Casini, presidente della Commissione Esteri del Senato, Imen Ben Mohamed, membro del Parlamento tunisino, Lorenzo Dellai, coordinatore del gruppo parlamentare di cooperazione tra l’Italia e la Tunisia, Michele Nicoletti, vice-presidente dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, Amedeo Ricucci, giornalista e inviato Rai.
“Saranno soprattutto i giovani della sponda sud del Mediterraneo i protagonisti chiamati a interloquire con il mondo della politica e della cultura per portare la propria personale esperienza e progettualità e una finestra sull’attualità e sul futuro” afferma il presidente di Rondine Cittadella della Pace Franco Vaccari, che aprirà i lavori della conferenza.
I giovani in prima linea quindi, a partire da coloro che hanno partecipato al progetto triennale promosso da Rondine, in collaborazione con il Centro per la Formazione alla Solidarietà Internazionale di Trento “Una nuova classe dirigente per la Sponda Sud del Mediterraneo” di cui il forum costituisce l’evento finale. Un percorso articolato in programmi formativi residenziali realizzati nel 2012, 2013 e 2014, che trae origine dalle riflessioni sulle cosiddette Primavere arabe.
In questo contesto, l’Associazione Rondine Cittadella della Pace ha messo a disposizione del progetto la propria esperienza di quasi vent’anni nel campo della formazione al dialogo interculturale e alla risoluzione dei conflitti, maturata attraverso la gestione dello Studentato Internazionale, dove convivono circa trenta giovani provenienti da aree di conflitto (Balcani, Medio Oriente, Caucaso, America, Africa sub-sahariana).
Puntando sui giovani come attori del cambiamento, il programma di formazione ha inteso applicare il metodo formativo di Rondine ai giovani dei Paesidel Medio Oriente e del Nord Africa e rilanciare il dialogo all’interno della regione mediterranea.
Nell’occasione verrà presentato il volume “Voci dalle Sponde del Mediterraneo. Dialogo tra società” comprendente i principali contributi delle varie conferenze internazionali che si sono svolte durante gli anni del progetto. Una preziosa documentazione che raccoglie molteplici punti di vista, analisi e riflessioni degli ultimi anni in merito alla transizione mediterranea.

Articolo precedenteNumero 311
Articolo successivoQuilici – Grandi uomini, piccoli padri: il dilemma della genitorialità
Giornalista, collabora con vari media (periodici, quotidiani, siti, radio, tv), dopo avere lavorato per trent'anni all'ANSA, di cui è stato direttore dal 2006 al 2009. Dirige i corsi e le testate della scuola di giornalismo di Urbino e tiene corsi di giornalismo alla Sapienza.